• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Presentata a Milano l’indagine STELLA sulla condizione occupazionale dei laureati del 2008
 


Il 14 maggio 2010 sono stati presentati presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca i risultati dell'indagine occupazionale dei laureati 2008 a 12 mesi dalla laurea. L'indagine è stata condotta dall'iniziativa interuniversitaria STELLA, formata da 12 atenei italiani di cui 8 lombardi (Bergamo, Brescia, Insubria, Milano-Bicocca, Milano Statale, Pavia, IULM, Cattolica, Pisa, Scuola superiore Sant'Anna, Napoli "Federico II" e Palermo) e coordinata dal punto di vista tecnico organizzativo dal consorzio interuniversitario CILEA.

I dati prodotti evidenziano aspetti positivi e negativi della condizione occupazionale dei laureati. Le indicazioni positive riguardano essenzialmente la figura dei laureati triennali, i quali si confermano una figura assai richiesta dal mercato del lavoro con una percentuale di assorbimento oscillante intorno al 70%. Il tempo di ingresso nel mercato del lavoro è di circa 4 mesi (erano 5 per i laureati del 2006), mentre la percentuale di laureati triennali che decide di proseguire gli studi si attesta al 47,5%. In alcuni settori, la laurea triennale è decisamente professionalizzante (soprattutto in economia e ingegneria) e porta con facilità ad un posto di lavoro; in altri settori è considerata come tappa intermedia, da completare con una laurea specialistica/magistrale.
Altri dati positivi riguardano proprio la laurea di secondo livello. Secondo l'indagine, tale titolo di studio permette ancora un buon ingresso nel mondo del lavoro: l'80% (-3,8% rispetto alla precedente indagine) dei laureati nella specialistica a un anno dalla laurea si presenta sul mercato del lavoro e, di questi, lavora il 79,3%.

In negativo, c'è da rimarcare il fatto che la crisi economica mondiale ha prodotto una leggera flessione nella domanda di giovani laureati da parte del mercato del lavoro: tutti i dati di occupazione sono in diminuzione, tranne il reddito di chi ha trovato una occupazione a tempo pieno. Sono le retribuzioni a risentire della crisi e ad essere il vero tasto dolente dell'indagine: i laureati triennali, ad un anno dalla laurea, guadagnano in media 1.200 euro netti mensili, con una diminuzione di sessanta euro rispetto ai laureati 2007, mentre i laureati magistrali ne guadagnano appena 1.127, con una diminuzione di circa ottanta euro.
Diminuisce la percentuale di laureati dei corsi a ciclo unico che si propongono sul mercato del lavoro (64,8%, -5% rispetto ai laureati del 2007). Di coloro che si propongono, l'83,5% trova lavoro entro un anno dalla laurea, mentre la restante parte prosegue gli studi iscrivendosi ad una scuola di specializzazione. Rimangono per questi laureati i tempi più lunghi per l'inserimento nel mercato del lavoro (6 mesi) mentre la retribuzione a 12 mesi dalla laurea si posiziona intorno ai 1.234 euro netti mensili, cifra più o meno identica allo scorso anno.

Infine, qualche annotazione positiva in merito agli esiti occupazionali a 36 mesi dalla laurea. Per i laureati del 2006, nei due anni successivi alla prima rilevazione, la quota di laureati occupati rispetto alla totalità di coloro che
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG