• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
La Corte dei Conti approva con riserva la programmazione triennale del Miur per le Università
 


Nell'adunanza del 24 marzo scorso la Corte dei Conti si è pronunciata sul decreto Miur del 23 dicembre 2010 n. 50 contenente le "Linee generali d'indirizzo della programmazione delle Università per il triennio 2010 - 2012". Il provvedimento è stato registrato il 13 aprile e ora si attende la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Nel provvedimento si definisce il quadro delle regole per il sistema universitario con particolare attenzione a cinque aree di attività: offerta formativa, ricerca, studenti, internazionalizzazione e fabbisogno del personale. Si prevede la riduzione del numero dei corsi e delle sedi decentrate e si favoriscono le federazioni e le fusioni tra atenei, si potenziano e s'incentivano le attività di ricerca e i servizi agli studenti, si favorisce la mobilità internazionale degli studenti italiani all'estero e si cerca di dare una dimensione ottimale al rapporto studenti/docenti. Sul decreto contenente la programmazione triennale per le Università 2010 - 2012, vedi Universitas n. 118, Meno corsi e più qualità, pp. 34 - 37.

La Corte dei Conti ha, però, escluso dalla registrazione il comma 6 dell'art. 6, che prevedeva la possibilità di trasformare in università non statali gli undici atenei telematici attivi in Italia. All'articolo 5 il decreto blocca per almeno due anni la possibilità di creare nuove università statali, mentre nella parte registrata dell'articolo 6 consente la creazione di nuove università non statali o la "statizzazione" delle non statali già presenti sul territorio, a patto che le nuove realtà offrano prevalentemente corsi in inglese o siano filiazioni di università straniere con titoli riconosciuti da tre anni.

Il via libera al decreto sblocca anche le risorse, pari a 65 milioni di euro, da distribuire agli atenei per migliorare la qualità e l'efficacia della propria offerta formativa. Nella nota del 19 aprile 2011, il Miur ha assicurato che la ripartizione dei fondi verrà effettuata utilizzando gli stessi indicatori del triennio precedente e che è in corso la comunicazione agli Atenei delle relative assegnazioni.

 

Danilo Gentilozzi

(Fonte: Il Sole 24 Ore, 22 aprile 2011)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG