• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
La riforma del percorso di studi in Medicina: specializzazione più breve e laurea abilitante
 


Il 28 luglio, in conferenza stampa, il ministro Gelmini (MIUR) e il ministro Fazio (Salute) hanno presentato i progetti di riforma del percorso di studi in Medicina. I provvedimenti, che dovranno essere messi per iscritto in un futuro decreto ministeriale, hanno gli obiettivi di rafforzare la qualità della formazione specialistica post laurea, rendere gli specializzandi operativi nell'attività professionale in modo più rapido e accorciare la durata del percorso di studi.

La criticità principale, che ha mosso i due ministeri a collaborare per una revisione generale, è l'eccessiva durata del percorso che porta uno studente a diventare medico professionista (attualmente 12 o 13 anni: 6 di università, 1 di attesa per l'esame di Stato per entrare nella scuola di specializzazione, 5 o 6 di specializzazione).

In concreto, i provvedimenti per la riforma del percorso di studi riguardano: la formazione degli specializzandi; il dottorato di ricerca; la laurea magistrale. È previsto che le scuole di specializzazione medica durino un anno in meno rispetto alla situazione attuale. In particolare, le specialità chirurgiche passeranno da 6 a 5 anni, quelle mediche da 5 a 4 anni e quelle dell'area dei servizi clinici da 4 a 3 anni. L'obiettivo è quello di avvicinare la durata della specializzazione a quella prevista dal modello europeo con la Direttiva 2005/36/CE. La riforma consentirà allo specializzando all'ultimo anno di poter svolgere contemporaneamente anche il dottorato di ricerca, accorciando così di un ulteriore anno l'ingresso dello studente nel mondo del lavoro. La riforma prevede anche il ruolo abilitante della laurea con il tirocinio di tre mesi, indispensabile per poter partecipare all'esame di Stato e che attualmente viene svolto dopo il conseguimento del titolo, conglobato all'interno del percorso di studi. La durata del corso di studi in Medicina rimarrà stabile a 6 anni, durata condivisa da tutti i paesi europei.

 
Ecco alcuni commenti dei soggetti principalmente interessati.

Per Amedeo Bianco, presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCEO), la riduzione del periodo di studi sarà "un'iniziativa utile, se ben studiata" e ha ricordato l'importanza di intervenire prima di tutto sulle scuole di specializzazione, migliorandone e potenziandone le attività professionalizzanti.

Per Luigi Frati, rettore della Sapienza Università di Roma, la riduzione della durata della specializzazione sarà utile per aumentare il numero di posti disponibili nelle scuole (da 5.000 a 6.000) e per ovviare alla carenza di specializzandi.

Andrea Lenzi, presidente del CUN, ha evidenziato la necessità di ridefinire gli ordinamenti delle scuole di specializzazione per prevedere una maggiore partecipazione degli specializzandi all'attività professionale (formazione teorica e attività "sul campo").

Rocco Bellantone, preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Cattolica, ha espresso parere favorevole alla riforma, purché non soddisfi solo l'esigenza di avere un maggior numero di laureati nei prossimi anni e ovviare alla futura carenza di medici, già predetta nei mesi scorsi.

Pierino Di Silverio, presidente di Federspecializzandi, ritiene che sia più urgente aumentare i fondi alle scuole migliori prima di ridurne la durata e propone l'ipotesi del concorso nazionale per l'accesso alle Scuole di specializzazione, in grado di aumentare la meritocrazia e di premiare il merito non solo dei giovani medici ma anche delle strutture formative.

 

Danilo Gentilozzi

 
(Fonti: La Repubblica - 12 luglio 2011, Il Giornale - 29 luglio 2011, Il Sole 24 Ore "Sanità" - 1 agosto 2011)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG