• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Le nuove migrazioni scientifiche dei talenti italiani all’estero: la risposta delle istituzioni
 


L'esodo dei laureati e dei ricercatori che decidono di risolvere le proprie difficoltà occupazionali andando all'estero, ha effetti negativi nei confronti di chi ha investito nella loro formazione senza poter poi godere del loro contributo allo sviluppo. Il tema è stato attentamente analizzato dal "Forum internazionale sulla ricerca e la cura del dolore", organizzato dall'Osservatorio Nazionale Permanente sulla Sicurezza (ONPS) e ospitato lo scorso 28 settembre dalla Camera dei Deputati nell'ambito delle manifestazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia. Il Forum ha focalizzato gli aspetti e le cause dell'esodo nel convegno "Emigrazione: dalle braccia ai cervelli. Contributo del genio e del cuore italiano al progresso scientifico, economico e sociale della Comunità Internazionale".

Sulla necessità di trattenere e valorizzare i talenti si è soffermato anche il Ministro Maria Stella Gelmini che, per l'insediamento del nuovo CdA del CNR avvenuto lo scorso 22 settembre, ha sottolineato come la ricerca sia il motore per la crescita economica e come occorra operare sinergicamente per favorire l'internazionalizzazione ed evitare la fuga all'estero.

Per favorire il rientro dei ricercatori emigrati, considerati nell'ultimo Rapporto SVIMEZ un deprecabile spreco di risorse, si è finora fatto ricorso ad incentivi fiscali (L. 30/12/2010, n. 238 e successivi decreti attuativi pubblicati sulla G.U. 10/6/2011, n. 133), ma le misure finora adottate non sono state sufficienti a drenare l'emorragia "dei troppo bravi nostri laureati che per necessità - come ha ricordato il Capo dello Stato in occasione della Cerimonia di apertura dell'anno scolastico 2011/12 - lasciano il nostro Paese non trovando lavoro qui e che - nonostante recenti provvidenze di legge - difficilmente poi rientrano".

Un segnale incoraggiante per rispondere alla fuga verso l'estero può venire dal provvedimento del CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), che lo scorso 30 settembre ha approvato un programma di investimenti nel sistema universitario delle Regioni meridionali per complessivi € 1.161 milioni nell'ambito del "Piano Nazionale per il Sud". Lo stanziamento comprende il finanziamento sia dei Poli di eccellenza di Calabria, Sicilia, Campania e Puglia, sia di infrastrutture universitarie strategiche regionali (laboratori didattici e di ricerca, biblioteche, attrezzature tecnologiche e informatiche, ristrutturazioni e nuove costruzioni di edifici universitari) in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Puglia, Sardegna e Sicilia. 

Dal mese di settembre - nell'ambito del pacchetto di iniziative governative denominato Diritto al futuro -  è stato avviato, in collaborazione con l'ABI, un sistema agevolato di prestiti ad importo annuo tra i tremila e i cinquemila euro a favore degli studenti universitari in età tra i 18 e i 40 anni per finanziare i loro studi, per l'apprendimento di una lingua straniera o per la frequenza di corsi di specializzazione o di master.

Leggi l'interessante riflessione del think-tank Vision sul tema della fuga dei cervelli.

Maria Luisa Marino

 

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG