• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
L’ESU chiede un ampliamento del programma Erasmus ai paesi dell’est
 


L'European Students' Union (ESU) sostiene fortemente la presidenza polacca dell'Unione europea nella richiesta di un ampliamento del progetto Erasmus ai paesi dell'est. Parlando all'incontro ministeriale "Go East, Erasmus!" svoltosi a Bialystok lo scorso 28 settembre, Allan Päll, presidente dell'ESU, ha dichiarato: "Dove sarebbe l'Europa senza Erasmus? Noi crediamo che l'attuale generazione creerà maggiore integrazione e comprensione in Europa dal momento che questo gruppo ha avuto, in una fase iniziale della propria vita, la possibilità di studiare, stringere amicizia con altri colleghi europei e sperimentare un'altra cultura".

Dai timidi inizi nel 1987 fino ad oggi 
quasi 2.2 milioni di studenti hanno usufruito del programma Erasmus, cui hanno preso parte più di 4.000 istituzioni dell'istruzione superiore da 31 paesi e la Commissione europea ritiene che tale numero salirà a 3 milioni entro il 2013. Fortemente sostenuta dall'ESU, la mobilità, consentendo di studiare in un altro paese, contribuisce allo sviluppo personale dei giovani. L'esperienza internazionale dà, poi, una serie di competenze necessarie alla società e al mercato del lavoro, come la consapevolezza culturale, le skill linguistiche ed altre competenze trasversali.

Secondo l'ESU, tuttavia, esistono ancora una serie di ostacoli di natura finanziaria e amministrativa che provocano disuguaglianze. Ci sono paesi che spingono ad andare all'estero un numero di studenti maggiore rispetto ad altri; a tutt'oggi non esiste una totale compatibilità dei programmi universitari, il che crea ritardi per il mancato riconoscimento e costi aggiuntivi a carico degli studenti.

 

Elena Cersosimo

 
(Fonte: ESU calls for Erasmus scheme to go East)

 

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG