• Forum: studi umanistici da difendere
  • A proposito di valutazione
  • I nuovi rettori
  • Il piano del Governo per l'università
  • Individuazione delle competenze
  • L'università liquida secondo Bauman
NOTIZIE DALL'ITALIA
18/12/2013
Corsi a numero programmato: riattivato con decreto MIUR il bonus maturità e pubblicata la nuova graduatoria degli idonei
06/12/2013
Il Cardinal Scola all’Università di Milano-Bicocca: università come luogo di formazione alla libertà
04/12/2013
Giovani & Lavoro: presentati i dati del rapporto Specula Lombardia
03/12/2013
La nuova giunta della CRUI
02/12/2013
Diritto allo studio universitario e corruzione: il fenomeno degli studenti “evasori” come nuovo campanello d’allarme
18/11/2013
Italia – Sud Mediterraneo: la cooperazione universitaria tra mobilità accademica e programmi congiunti
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
18/12/2013
Giappone: cresce il numero e la qualità della collaborazione nella ricerca con i paesi in via di sviluppo dell’Asia e dell’Africa
17/12/2013
OCSE PISA 2012: studenti asiatici al top, quelli italiani primeggiano nelle materie scientifiche
16/12/2013
Primo incontro internazionale dei centri di ricerca dell’istruzione superiore a Shanghai
29/11/2013
Unione europea: approvata dal Parlamento la proposta di Regolamento che istituisce Erasmus+
19/11/2013
Eurostat: lo stato di attuazione della Strategia Europa 2020 nei paesi membri, Italia in ultima posizione
05/11/2013
Germania: tre indagini analizzano la situazione economico-sociale e le buone prospettive occupazionali degli studenti universitari
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Eurispes: la fiducia nella formazione non frena la propensione dei laureati a espatriare
 


Il 24° Rapporto Italia 2012 (leggi la sintesi) festeggia quest'anno il trentesimo anniversario di EURISPES - Istituto di Studi Politici, Economici e Sociali.

Il Rapporto fornisce l'immagine di un "Paese a corto di speranza e di ottimismo", soprattutto guardando ai giovani tra i 25 e i 34 anni, le classi "biologicamente" più proiettate verso il futuro. Quasi il 60% delle nuove leve tra i 18 e i 24 anni, seguiti a poca distanza dai 25-34enni - largamente in possesso di titoli di studio elevati - appaiono disponibili ad intraprendere un progetto di vita all'estero, configurando un bacino di potenziali emigranti la cui fuga segnerebbe di fatto la perdita delle risorse umane più dinamiche e intraprendenti del Paese.

Le motivazioni principali alla base di un ipotetico trasferimento oltre i confini nazionali sono: le maggiori opportunità lavorative (22,9%); le opportunità più genericamente intese (14,1%); il minor costo della vita (11,8%); la ricerca di maggior sicurezza (6%); il clima culturale vivace (3,%). È risultata fortunatamente in crescita la fiducia nelle istituzioni formative (48,9%, cinque punti percentuali in più rispetto allo scorso anno), decisive per la preparazione dello stock di capitale umano ma, nonostante i significativi aumenti  registrati negli ultimi decenni in relazione alla percentuale di popolazione adulta con istruzione terziaria, con una quota inferiore al 15%, l'Italia resta ancora lontana dai valori raggiunti a tal proposito in più della metà dei Paesi OCSE (30% nel 2009) e ben più alti in Canada, Israele, Giappone, Nuova Zelanda, Russia e Stati Uniti. Dal Rapporto emerge che il livello di istruzione influisce anche in vari ambiti della vita quotidiana, a partire da una visione più positiva della terza età da parte dei laureati rispetto ai possessori di licenza elementare o media.

Interessanti i dati relativi all'utilizzo della tecnologia: il 21,1% dei laureati italiani consulta tutti i giorni i quotidiani online, il 44,7% usa il computer e il 31,6% Internet.

Nodo cruciale del Rapporto è il tema della produttività e delle ristrutturazioni: secondo Gian Maria Fara, Presidente di Eurispes, è necessario riscoprire "il  valore della programmazione e della progettazione" per stimolare l'alta formazione, la ricerca e l'innovazione. Peraltro i raffronti internazionali (Oecd Factbook 2011/12) in tema di brevetti, distanziano fortemente il nostro Paese dagli altri Paesi Ocse e soprattutto rispetto a Svizzera, Giappone, Svezia e Germania, considerati i più inventivi e lo stesso riguarda gli investimenti in ricerca e sviluppo (1,23% in Italia nel 2008 rispetto a media Ocse pari al 2,3%).

 

Luigi Moscarelli
(16 febbraio 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG