• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Investire in conoscenza - Per la crescita economica
Ignazio Visco
 


Collana “Contemporanea”, Il Mulino, Bologna 2009, pp. 144, € 11,50
 
Per far ripartire l’economia, sostiene Ignazio Visco – attuale governatore della Banca d’Italia –, occorre «soprattutto prendere atto dei grandi fenomeni evolutivi che ci hanno trovato relativamente impreparati: la globalizzazione degli scambi di merci e servizi, la rivoluzione delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni, l’aumento progressivo della vita media e i nuovi flussi migratori dei paesi in via di sviluppo».
Per far fronte a questi cambiamenti si deve «investire in istruzione, capitale umano, conoscenza, costituisce oggi un fattore essenziale di crescita della produttività e dell’economia», anche se l’Italia figura agli ultimi posti per gli investimenti in ricerca e sviluppo. «Sono necessari maggiori investimenti pubblici e privati; per incentivarli occorre rimuovere i fattori che ne frenano il rendimento, puntando sulla qualità, sulla valutazione e sul riconoscimento del merito».
Visco fa alcune proposte che potrebbero migliorare la qualità dell’insegnamento e della ricerca nelle università. «Anzitutto, per correggere la regressività e le altre distorsioni del sistema andrebbe accresciuta la correlazione tra tasse e costi dell’istruzione universitari. I livelli più elevati delle tasse scolastiche (corrispondenti al costo di “investire” in capitale umano) dovrebbero essere accompagnati da un ampio numero di borse di studio per i più meritevoli e per i meno abbienti e dalla possibile abolizione del valore legale del titolo di studio». Inoltre, «anche a livello universitario, si dovrebbe disporre di valutazioni comparate tra i diversi atenei, sia riguardo ai rendimenti didattici, sia all’impatto della ricerca che vi viene prodotta, ricorrendo, ad esempio, ai risultati di valutazioni periodiche condotte dal Comitato di indirizzo per la valutazione della ricerca. Sulla base della qualità relativa e di un’analisi trasparente dei costi offerti e dei successi nella formazione degli studenti, si potrebbe quindi procedere a differenziare i finanziamenti pubblici alle diverse università. Si potrebbe stimolare la concorrenza tra gli atenei, dando loro ancora maggiore autonomia non solo nella selezione e nell’assunzione, ma anche nella remunerazione dei docenti».
Per i dottorati di ricerca sono «fondamentali l’apertura e/o collegamenti con il resto del mondo; andrebbe ridotta l’autoreferenzialità e ampliata la varietà dei docenti, definendo criteri di selezione basati su stretti e oggettivi riferimenti di merito; bisognerebbe mirare ad avere una massa critica di docenti e studenti, così da garantire un’attività di ricerca alla frontiera delle conoscenze, l’offerta di una ricca struttura di corsi, workshop e seminari, una capacità di attrarre talenti anche oltre il livello nazionale».
Per raggiungere questi obiettivi, è necessario «concentrare le risorse in un numero necessariamente limitato di atenei in grado di costruire scuole di dottorato competitive, riconosciute e con solidi collegamenti internazionali; da queste scuole devono infine poter uscire, in direzione dell’accademia, così come di centri di ricerca pubblici e privati, ricercatori capaci di far avanzare la conoscenza con ricerche di base di qualità e di confrontarsi anche sul piano della ricerca applicata con la realtà dell’industria, della tecnologia e dell’economia in generale».
Luca Cappelletti
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG