• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Paura dell’Islam. Il travisamento della cultura islamica nella genesi del terrorismo
Roberto Rapaccini
 


Cittadella editrice, pp. 152, € 13,50
L’Islam fa paura. Dopo un decennio dominato dagli interrogativi sulle derive violente del fondamentalismo islamico, sulla compatibilità fra Islam e democrazia e su come conciliare cultura, religione, giustizia e rispetto delle minoranze negli ordinamenti civili delle nostre società, ancora più forte si avverte l’esigenza di conoscere prima di giudicare, di discernere per analizzare e poter così evitare di cadere nelle trappole dei pregiudizi, delle generalizzazioni, della identificazione della religione islamica con la violenza. È questo uno degli assunti dai quali parte Roberto Rapaccini in questo volume.
Si tratta di un testo che va al cuore dei fondamenti storici, antropologici e religiosi della fede islamica. E getta luce con precisione e chiarezza divulgativa su diversi aspetti dell’Islam sui quali le opinioni pubbliche occidentali e arabe dibattono da diversi livelli da anni: dal primato della Umma (la comunità islamica) all’ancoraggio delle legislazioni di alcuni Paesi alla legge islamica della Shari’a; dal sistema della dhimmitudine riservato alle minoranze non musulmane sotto l’Impero Ottomano (i cui effetti si fanno sentire ancora oggi) alle origini dello scisma fra sunniti e sciiti nell’VIII secolo al centro – dopo 14 secoli – di una lotta fratricida, regionale e internazionale in Medio Oriente; dalla mancata separazione tra fede e politica alla saldatura fra fondamentalismo e terrorismo, fino alla nascita di organizzazioni criminali come Al Qaeda. Non c’è dubbio, osserva l’autore, che queste ultime siano state sconfitte dagli aneliti di democrazia, libertà, giustizia sociale che hanno portato in piazza milioni di giovani dopo il sacrificio del tunisino Mohammed Bouazizi. «La morte fisica di Osama Bin Laden – scrive Rapaccini – è stata preceduta dalla sua morte politica: i venti di rivolta della Primavera araba hanno evidenziato un’importanza marginale del fondamentalismo religioso e delle sue degenerazioni in forme eversive. La Primavera araba, infatti, è stata animata, almeno inizialmente, da movimenti laici e da giovani che non hanno inneggiato contro l’Occidente corrotto e corruttore invocando il ripristino di un califfato islamico».
Funzionario del Ministero dell’Interno esperto di problematiche comunitarie, impegnato nelle attività di intelligence inerenti alla lotta al terrorismo e al traffico illecito di armi nelle questioni di sicurezza e ordine pubblico, Rapaccini offre ai lettori uno strumento di grande utilità per chi, come lui, non era un esperto dell’Islam quando fu stato assegnato a un ufficio della Commissione Europea a Bruxelles all’indomani degli attentati dell’11 settembre. Ovvero, come lui stesso spiega, negli anni in cui l’Unione Europea era totalmente impreparata a occuparsi di terrorismo come «una questione di rilevanza comunitaria».
Così è nato un agile strumento di analisi, ricco di riflessioni e di distinguo sui diversi aspetti della fede, della cultura e dell’ideologia islamica. Che ha l’ambizione di voler dissipare le nubi dell’ignoranza che circondano il mondo islamico da questa parte del Mediterraneo: e poter così affrontare con cognizione di causa le sfide della sicurezza, dell’integrazione e della prevenzione del terrorismo di matrice islamica nei nostri Paesi, oltre ad accompagnare materialmente e idealmente i difficili processi di sviluppo e democratizzazione avviati nel Nord Africa.
Manuela Borraccino
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG