• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Il divario digitale nel mondo giovanile
Isfol
 


Isfol 2011
Sono soprattutto gli studenti universitari ad avere più possibilità di stare di fronte a un computer, per motivi di studio o di svago, come chattare con gli amici.
Lo dice uno studio dell’Isfol sul divario digitale (che è stato possibile svolgere grazie al fondo sociale europeo), frutto di un questionario telefonico somministrato a duemila 21enni appartenenti a fasce sociali diverse. Dall’inchiesta è emersa una realtà piuttosto variegata per quanto riguarda l’utilizzo del computer e del web. Il digital divide dipende dal titolo di studio del genitore, dalla città (con meno di 10mila abitanti o con più di 500mila abitanti), dall’attività svolta (universitario, lavoratore o disoccupato).
 La ricerca ha cercato di capire le differenze nell’utilizzo del web in base al contesto sociale e lavorativo ed ha approfondito il rapporto tra i giovani e le tecnologie informatiche. Infatti, c’è chi usa troppo internet e chi non lo usa affatto.
A non utilizzare il computer sono soprattutto i figli di non laureati, i ragazzi lavoratori o disoccupati con titolo di studio di scuola media inferiore. Sono quelli che non possiedono un computer a casa e, se lavorano, non vi possono accedere. Una minoranza di giovani ha risposto di preferire la tv a internet.
Nell’era della web generation quello che fa notizia è che meno del 20% degli intervistati ha la possibilità di accedere a Internet. L’80% utilizza il pc tutti i giorni; la percentuale si alza se il padre è laureato e si abbassa se questo ha un titolo di studio di media inferiore.
Molti studenti ritengono che il web sia utilissimo alla ricerca universitaria, al confronto, alla possibilità di approfondire velocemente tematiche di studio. Sono anche quelli più interessati agli eventi culturali, che visitano musei, vanno al cinema e si informano su Internet. Questi trascorrono anche meno tempo di fronte alla televisione: ciò significa che il teledipendente non è Internet-dipendente, e viceversa.
Gli studenti che a casa hanno un abbonamento flat (Internet illimitato a tariffa fissa) utilizzano Internet mediamente 3 ore al giorno.
Interessanti le proposte dei ragazzi per rendere accessibile il pc e il web a tutti: defiscalizzare l’acquisto del computer e portare la spesa in detrazione, accesso gratuito a Internet con contratti e wi-fi gratuiti, possibilità di utilizzare Internet con postazioni wireless in più punti della città, possibilità per le aziende di far utilizzare il computer e Internet ai giovani per migliorare le performance dell’azienda stessa, rendendola più competitiva, con premi per le aziende che danno questa possibilità ai neoassunti.
Marialuisa Viglione
 
Per scaricare il volume
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG