• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Università: approvate le Linee generali di indirizzo della programmazione 2016-2018
 


Miglioramento dei risultati, innovazione delle metodologie didattiche, premi per merito alla docenza, autonomia responsabile: questi i capisaldi delle Linee di indirizzo della programmazione delle Università (2016-2018)emanate dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, con il Dm. 635/2016. Il decreto mira ad incentivare la sostenibilità finanziaria e funzionale degli atenei, in ossequio al processo di razionalizzazione incentivato dall'introduzione delle procedure di accreditamento Ava (Dm. 47/2013).

In base al provvedimento, gli atenei sono chiamati a perseguire i quattro macro-obiettivi sulla base di precisi Indicatori (contenuti negli allegati al decreto), che saranno utilizzati in sede di ripartizione delle risorse. Tali obiettivi vanno nella direzione di una effettiva sostenibilità degli atenei, finanziaria e formativa, in una fase caratterizzata dalla riduzione dei fondi statali, dal blocco del turnover, dalla contrazione delle immatricolazioni. 

Obiettivo A, "Miglioramento dei risultati conseguiti nella programmazione 2013-2015": le azioni promosse dagli atenei riguardano sia gli interventi di orientamento e tutorato in ingresso, in itinere e in uscita, sia il potenziamento dei corsi di studio internazionali. 

Obiettivo B, "Modernizzazione degli ambienti di studio e di ricerca": il decreto contempla la disponibilità di attrezzature per la didattica e la ricerca, la ristrutturazione e messa in sicurezza di aule e laboratori, il rafforzamento delle "competenze trasversali" degli studenti. 

Obiettivo C, "Giovani ricercatori e premi per merito ai docenti": il decreto incentiva l'erogazione di contratti per ricercatori a tempo determinato di tipo a, il sostegno alla mobilità di professori e ricercatori, l'integrazione del fondo per la premialità dei docenti. I risultati conseguiti dall'attuazione dei progetti finanziati a ciascun ateneo saranno monitorati annualmente e valutati al termine del triennio. 

Obiettivo D, "Autonomia responsabile degli atenei": destinazione del 20% della quota premiale del Fondo di finanziamento ordinario. Tale quota è destinata agli atenei secondo i miglioramenti di risultato relativi ad indicatori autonomamente scelti (tra quelli indicati nell'allegato 2) e relativi alla qualità dell'ambiente della ricerca (gruppo 1), alla qualità della didattica (gruppo 2) e alle strategie di internazionalizzazione (gruppo 3). 


Altro passaggio rilevante riguarda l'accreditamento iniziale e periodico dei corsi e delle sedi (Articolo 6)
. Fatto salvo il divieto di istituire nuove università statali e non statali (se non a seguito di fusione), per gli anni accademici 2017/2018 e 2018/2019 gli atenei potranno estendere gli ambiti relativi alle attività di base o caratterizzanti ad ulteriori settori scientifico-disciplinari rispetto a quelli previsti dai decreti sulle nuove classi di laurea del 16 marzo 2007. Ciò è consentito nel rispetto degli obiettivi formativi della relativa classe, previa approvazione del Miur e sentito il Cun. 

In riferimento all'accreditamento iniziale e all'istituzione dei corsi di studio, gli atenei potranno attivare quattro modalità di corsi: convenzionali (in presenza), con modalità mista (non più di due terzi in modalità telematica), prevalentemente o integralmente a distanza. Gli indicatori per l'accreditamento dei corsi (adeguatezza della docenza, dei tutor e delle strutture) saranno "opportunamente differenziati in relazione alle specificità delle modalità di erogazione della didattica".



Andrea Lombardinilo
(16 settembre 2016)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG