• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Presentato a Bologna il XVI Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati
 


Il XVI Rapporto AlmaLaurea 2014 sulla condizione occupazionale dei laureati, presentato a Bologna il 10 marzo 2014, partendo dalle perduranti difficoltà occupazionali, lancia un concreto messaggio sulle misure per valorizzare le energie e le motivazioni delle giovani leve, capaci di rilanciare l'economia e di ridare loro la speranza:

- misure di sostegno all'imprenditorialità dei laureati, che richiede capitale di rischio ma, e soprattutto capitale umano qualificato, particolarmente prezioso per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese - in particolare le più innovative e operanti ad elevata tecnologia - con più ampia capacità di generare nuovi prodotti e servizi e creare conseguentemente maggiore occupazione;

- misure per trattenere e attrarre la parte più qualificata dei laureati, quella destinata alle Università e ai Centri di Ricerca, offrendo loro, oltre a maggiore meritocrazia, migliori prospettive occupazionali sia in termini retributivi che di qualità del lavoro.

Fermo restando che il settore giovanile continua a pagare il prezzo più alto della disoccupazione (28%), emerge che la laurea non esonera di per sé dalle difficoltà nella fase di ingresso nel mondo del lavoro, ma garantisce un certo vantaggio a lungo termine, seppur meno efficacemente rispetto ad altri Paesi: negli anni a cavallo della recessione, il tasso di disoccupazione è cresciuto del 2,9% per i laureati, del 5,8% per i diplomati, di 6,5% per i neolaureati (in età di 25-34 anni) e del 14,8% per i neodiplomati (in età 18-29 anni). Così tra il 2007 e il 2013 il differenziale tra tasso di disoccupazione tra neolaureati e neodiplomati è passato da 2,6 (a favore dei primi) all'11,9%.

 

Il Rapporto AlmaLaurea 2014 è stato commentato da vari quotidiani nazionali. Abbiamo operato una selezione dei contributi più importanti, una piccola rassegna stampa che potete scaricare cliccando qui.

 


Maria Luisa Marino
(13 marzo 2014)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG