• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Somalia: i leader della diaspora chiedono di “ripartire dalla classe dirigente”
 


Ripartire dalla diaspora per ridare speranza alla Somalia. A cominciare dalla classe dirigente dispersa all'estero, la sola in grado di far ripartire il Paese, spiega a Universitas Rahma Mohamed Hassan, presidentessa dell'Associazione per l'aiuto alle donne e ai bambini somali. Avvocato 47enne con doppia cittadinanza italiana e somala e consulente del CIR - Centro Italiano per i Rifugiati, la giurista fa la spola da un anno e mezzo da Mogadiscio a Roma per riannodare i fili tra la madrepatria e i connazionali che la guerra ha costretto a rimanere all'estero. Il suo impegno è finalizzato anche a tentare di ricostruire un sistema di accreditamento per le tante università e college privati presenti sul territorio, molti dei quali proliferati nell'anarchia in cui il Paese è precipitato dopo la caduta di Siad Barre nel 1991. "Stiamo lavorando a un sistema di valutazione - dice Rahma Hassan - purtroppo procedendo con più lentezza di quanto vorremmo a causa della difficoltà di collegamenti e della mancanza di sicurezza che affligge diverse aree del Paese. Anche se la situazione è molto migliorata, soprattutto a Mogadiscio, rispetto agli anni scorsi".

La Hassan è stata tra i protagonisti di un convegno a fine marzo che ha visto la partecipazione di tutti gli attori umanitari, diplomatici e della società civile che in questi anni hanno tentato di accendere i riflettori sul dramma della Somalia e dei richiedenti asilo somali che negli ultimi venti anni sono stati costretti a vagare da un Paese all'altro, quasi sempre senza documenti e nell'impossibilità sia di ottenere lo status di rifugiati che di tornare in patria.

"Oggi più del 20% della popolazione somala è sradicata" dice il direttore del CIR, Christopher Hein. Secondo le Nazioni Unite circa 1 milione di somali vive fuori dal Paese pur continuando a mantenere contatti con la madrepatria. In Italia sono ormai non più di 9.000, meno della metà dei 20.000 che erano giunti in Italia negli anni Novanta, vittime del progressivo irrigidimento delle politiche sull'immigrazione e privati dei diritti basilari garantiti a chi è in fuga da guerre e persecuzioni.

La Somalia detiene da anni il triste primato degli Stati falliti del mondo e i recenti attentati dei miliziani islamici del gruppo fondamentalista al Shabaab contro i peacekeeper dell'Unione africana in Somalia (Amisom) dimostrano quanto sia ancora lunga la strada per la normalizzazione del Paese. A seguito dell'integrazione delle truppe etiopiche, a gennaio, la missione dell'Unione africana in Somalia può contare su circa 22.000 effettivi. Il suo sostegno al Governo di Mogadiscio è stato decisivo, a partire dal 2011, per il ritiro di al Shabaab dalla capitale e da diverse città della Somalia centro meridionale.



Manuela Borraccino
(7 aprile 2014)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG