• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Tanzania: crowdfunding per finanziare la formazione di studenti nei paesi in via di sviluppo
 


Nel 2010 una studentessa svedese, Malin Cronqvist, si reca in Tanzania per un'esperienza di volontariato e si chiede come questa opportunità possa tradursi in qualcosa che lasci una traccia duratura e faccia davvero la differenza.

Dopo un periodo di "osservazione" della realtà locale ed essere entrata in relazione con diversi ragazzi delle comunità rurali, Malin ha capito quali erano i loro desideri: studiare e lavorare. Partendo dall'idea di realizzare due obiettivi principali - investire nell'istruzione superiore e creare posti di lavoro con un sistema di finanziamento trasparente - Malin crea l'organizzazione non-profit Help to Help per trasformare i giovani in forza lavoro e futuri formatori a servizio del loro paese, e per colmare il divario tra studenti e datori di lavoro, nella certezza che solo preparando insegnanti, infermieri, manager, medici, avvocati, sarà possibile cambiare il Paese e farlo sviluppare dall'interno.

Per conquistare la fiducia dei finanziatori coinvolti nel crowd-funding, il sistema prevede che questi possano verificare l'impiego del loro denaro. Sul sito di Help to Help è infatti possibile visualizzare il profilo degli studenti che hanno bisogno di aiuto per terminare gli studi: il finanziatore sponsorizza quello che ritiene più convincente e può comunicare direttamente con lui per essere aggiornato sui suoi progressi. L'offerta è libera e davvero alla portata di tutti, perché si parte da un minimo di 3 dollari.

Help to Help ha avuto subito un grande successo, ed è possibile che lo stesso schema di aiuto sia replicato in altri paesi come Botswana, Ghana, Mozambico, Nigeria e Uganda. Malin Cronqvist spera di riuscire a creare una sorta di reazione a catena che inneschi cambiamenti positivi nei paesi in via di sviluppo: in fondo ogni insegnante può formare centinaia di bambini che tra qualche anno avranno nelle mani il futuro del loro paese.

 

Isabella Ceccarini
(22 maggio 2014)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG