• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Cresce la sfiducia nella scuola e il disamore per i percorsi universitari di primo ciclo
Censis
 


Nell'incontro La sfiducia crescente nella scuola, svoltosi il 26 giugno 2014 nell'ambito delle iniziative per "Un Mese di Sociale", il CENSIS ha evidenziato la perdita di appeal dei percorsi formativi, compresi i percorsi universitari e quelli triennali in particolare.

Anche se la partecipazione delle giovani generazioni non è mai stata così ampia come al giorno d'oggi, aumenta la sfiducia nella scuola come strumento di mobilità sociale. Studiare non funziona più da ascensore sociale: al primo impiego solo il 16,4% dei ventenni è salito nella scala sociale rispetto ai genitori e i figli di famiglie svantaggiate (27,7%) abbandonano gli studi in misura maggiore dei figli dei laureati (2,9%).

Diminuisce anche l'attrattività degli studi universitari, nonostante la tenuta numerica dei diplomati liceali: calano le immatricolazioni (nell'a.a. 2011/12 -3,3% rispetto all'anno precedente), diminuisce il tasso di passaggio dalla scuola all'Università e anche tra gli iscritti emergono presto segni di stanchezza e disaffezione: solo uno studente su quattro riesce a conseguire la laurea di primo livello alla naturale scadenza prevista e il 43,6% si laurea in un corso diverso da quello di immatricolazione. Un duro percorso ad ostacoli, i cui risultati ci penalizzano nel confronto internazionale. Senza contare che la laurea di primo livello avrebbe dovuto essere la laurea tout court ma, sebbene l'obiettivo fosse quello di armonizzare l'offerta di istruzione superiore, è stata troppo spesso tradotta nel nostro Paese in una sorta di classificazione di valore, che tendenzialmente premia il biennio specialistico e finisce in molti casi con l'aumentare la durata legale del percorso universitario.

Peraltro la disillusione verso l'Università ha polarizzato maggiormente i fenomeni di mobilità studentesca sulla direttrice Nord-Sud, ma ha pure incoraggiato la mobilità verso l'estero di chi è alla ricerca di un'offerta universitaria di qualità migliore e con maggiori opportunità occupazionali. Più in generale, si avverte lo scollamento tra le dinamiche educative e quelle del mondo del lavoro, che, bloccando nei fatti il turn over generazionale, accrescono l'insoddisfazione occupazionale delle giovani leve, tra fenomeni di overeducation e lavoro precario.

Tra il 2008 e il 2013 la domanda di lavoro, che denota le strategie imprenditoriali, ha continuato purtroppo a concentrarsi soprattutto sui titoli di livello basso (diplomi), gli unici a registrare un aumento positivo (+16,8%) a scapito sia dei titoli medi (-3,9%), sia di quelli più elevati (-9,9%) Con la conseguenza dell'inserimento per necessità anche dei laureati in professioni, che richiedono competenze minime: un fenomeno che accomuna sia le lauree considerate deboli - come quelle in scienze sociali e umanistiche (43,7%), sia quelle ritenute più forti, come scienze economiche e statistiche (57,3%) e addirittura Ingegneria (uno su tre). Un quadro poco roseo, che la crisi economica ha accentuato, e che necessita urgentemente di un disegno condiviso di sviluppo socio-economico che sappia indicare con chiarezza e respiro ampio il ruolo che il sistema educativo è chiamato a svolgere, che restituisca consapevolezza collettiva su obiettivi e spazio di azione dell'ordinamento educativo.

Leggi il testo pubblicato dal Censis per presentare l'incontro.


Antonella Lorenzi
(giugno 2014)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG