• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Le condizioni di università e ricerca mobilitano i ricercatori di tutta Europa
Finanziamenti
 


Mentre si aggrava la situazione economica degli enti e delle strutture di ricerca pubbliche in Europa, si estendono i dubbi sull'oggettività e sull'effettiva terzietà degli esercizi di valutazione. A darne conto è Francesco Sylos Labini, che con un intervento su Roars ha puntato l'indice sulle condizioni sempre più preoccupanti in cui versa il sistema dell'università e della ricerca nei paesi mediterranei. Una situazione divenuta improvvisamente preoccupante anche in Portogallo, dove il governo ha commissionato all'European Science Foundation (ESF) una valutazione complessiva dei centri di ricerca del paese. Risultato: la metà delle unità di ricerca ha conseguito valutazioni insoddisfacenti, che determineranno tagli ai finanziamenti e conseguenti rischi chiusura.

Se il Portogallo piange, gli altri paesi non ridono. In Francia è in atto un movimento d'opinione legato al ridimensionamento degli investimenti in ricerca e sviluppo, come attestano i risultati dell'ultimo bando per progetti di ricerca di base. Saranno ammessi a finanziamenti soltanto l'8,5% dei progetti presentati. Di qui la decisione di un gruppo di ricercatori francesi di fondare il movimento Sciences en marches, che promuove una marcia in bicicletta e toccherà varie città, con manifestazione conclusiva a Parigi il 19 ottobre 2014.

L'iniziativa ha assunto un rilevante impatto mediatico, ed è destinata ad estendersi alle atre comunità scientifiche europee: «Forse per la prima volta - continua Sylos Labini nel suo intervento - gli scienziati di tutta Europa si stanno rendendo conto che non solo bisogna mobilitarsi per ottenere i mezzi per un'ambiziosa politica della ricerca, dell'innovazione e dell'istruzione superiore, ma che loro stessi possono essere in grado di contribuire in maniera efficace a superare la crisi economica e morale che stiamo vivendo. L'Europa non può materializzarsi solo attraverso le insensate politiche economiche dell'austerità, ma bisogna sempre ricordare che le fondamenta del progetto europeo sono nella cultura comune e nella solidarietà tra i diversi paesi: solo ripartendo da qui si potrà evitare la catastrofe che sembra sempre più imminente».

Non fa eccezione l'Italia, dove è in atto una profonda riflessione sui meccanismi di valutazione introdotte dall'Anvur, a livello sia di sedi didattiche, che di prodotti e strutture di ricerca. Una riflessione che investe da vicino anche le modalità di valutazione dei futuri docenti, costretti a destreggiarsi tra le pastoie dell'abilitazione scientifiche nazionale, che ha già sollevato le critiche e le obiezione di buona parte della comunità accademica.

Il tutto è reso ancor più complicato dalla cronica emergenza delle risorse, che incide anche sulle opportunità concesse ai giovani ricercatori, e sul blocco degli scatti stipendiali. Una situazione che accomuna la realtà italiana a quella europea, caratterizzata da urgenze valutative che rischiano di oscurare gli effetti dei tagli e dell'ipertrofia normativa che affligge gli atenei italiani.


 

Andrea Lombardinilo
(ottobre 2014)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG