• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Più studenti italiani all’estero, ma occorre investire anche sulle nuove competenze dei docenti
 


Un'esperienza "aperta a tutti, non adatta a tutti: certamente destinata a lungo termine al maggior numero possibile di studenti e non ad un'élite". Così Flaminia Bizzarri, responsabile Rapporti istituzionali e scuola della Fondazione Intercultura, commenta in un colloquio con Universitas i risultati del Sesto rapporto sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca stilato in collaborazione con la Fondazione Telecom Italia, che ha visto un balzo del 55% della partecipazione degli studenti nel triennio 2011-2014.

Secondo le stime calcolate da Ipsos, 7.300 studenti nell'anno scolastico 2013-2014 hanno passato un anno o un semestre o un trimestre all'estero, a fronte dei 4.700 del 2011, fra i quali 1.800 con una borsa di studio totale o parziale della Fondazione Intercultura. Più di due terzi degli istituti superiori italiani (68%) aderiscono a un progetto internazionale (nel 2011 erano uno su due). L'indice di internazionalizzazione che misura l'apertura delle nostre scuole al confronto con l'estero è passato da 37 punti nel 2009 a quota 41 nel 2014. "Negli anni abbiamo visto aumentare notevolmente la sensibilità dei professori sulla formazione interculturale e su come gestire la mobilità studentesca - spiega Flaminia Bizzarri - e solo negli ultimi tre mesi, ovvero nel solo primo trimestre dell'anno scolastico in corso, abbiamo svolto corsi di formazione che hanno già coinvolto più di 600 docenti delle superiori. Stanno nascendo nelle varie regioni italiane reti di scuole che scambiano esperienze e buone pratiche in merito alla formazione internazionale degli studenti e questo è un ottimo segnale, in linea con le direttive europee sulla rilevanza dell'educazione interculturale e dell'acquisizione di quelle competenze trasversali ormai indispensabili nelle economie basata sulla conoscenza".

Si tratta infatti, come recita la nota del Miur del 10 aprile 2013 e come ricorda il Rapporto, di "imparare a imparare, a progettare, a comunicare, a collaborare e partecipare, ad agire in modo autonomo e responsabile, a risolvere problemi, ad individuare collegamenti e relazioni, ad acquisire ed interpretare l'informazione". Tutte attitudini, quelle improntate allo spirito di iniziativa, alla curiosità, all'imprenditorialità, per ora acquisite da poco più dell'1% degli studenti delle superiori ma che nei prossimi anni dovrebbe coinvolgere una quota crescente di adolescenti.

Per chi lavora nelle università, la preparazione offerta dalle superiori appare insufficiente: interpellati dall'Osservatorio nazionale sull'internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca della Fondazione Intercultura su quali "buone pratiche" dovrebbero essere messe in pratica dalla scuola per applicare i programmi più innovativi, i docenti universitari consigliano di "dare maggiore attenzione alle lingue straniere (25%) e di introdurre una maggiore attività pratica, tramite ricerche sul campo, laboratori, tirocini (8%). Per il 22% è da incentivare la mobilità sia individuale che di gruppo mentre per il 7% bisogna rimettere al centro alcuni valori etici: la disciplina, il rigore, la meritocrazia". Un programma che dovrebbe riguardare in primo luogo i docenti, secondo le indicazioni sull'apprendimento permanente e la mobilità che la Commissione europea ha raccomandato a tutti gli operatori scolastici: in Italia la strada appare ancora lunga considerato che, secondo il rapporto 2014, solo il 17% dei docenti delle superiori è in grado di comunicare in inglese.



Manuela Borraccino
(8 gennaio 2015)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG