• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Somalia: necessario regolamentare il settore delle università private
 


Le università private in Somalia hanno conosciuto una rapidissima crescita nell'anarchia provocata dalla caduta di Siad Barre nel 1991. La mancanza di un monitoraggio statale, la bassa qualità, la povertà diffusa, l'instabilità politica e la mancanza di sicurezza rendono però necessaria e urgente una regolamentazione del settore. È quanto reclamano i leader delle principali università del Paese dopo l'assassinio del rettore incaricato dell'Università SIMAD di Mogadiscio Ibrahim Mohamed Hamud, avvenuto il 10 dicembre 2014 e dopo il nuovo attentato che ha colpito un assistente all'inizio dell'anno.

Secondo il rapporto "Lo stato dell'istruzione universitaria in Somalia" pubblicato nell'agosto 2013 dall'Heritage Institute for Policy Studies, il primo think tank indipendente sorto a Mogadiscio, almeno 50.000 studenti stanno frequentando le 44 università censite: il 49% risultano iscritti negli atenei del Centro-Sud, il 35% nel Somaliland e il 16% nel Puntland. Il 56% del totale sono iscritti in 8 delle 44 istituzioni. Le prime tre università per numero di studenti sono la Mogadishu University (10.2%), l'Università di Hargeisa (7,8%), e l'Università della Somalia (7,6%). Ma la rapida crescita e privatizzazione dell'istruzione superiore è avvenuta all'insegna della "quantità senza qualità" come confermato a Universitas da una delle giuriste somale coinvolte nel processo che dovrebbe portare alla creazione di un sistema di accreditamento degli atenei presenti nel Paese (vedi anche Universitas n. 132, pp. 60-63).

«Nei vent'anni di guerra civile il settore dell'educazione è stato lasciato a poche istituzioni private ed educatori che hanno riempito un vuoto per dare ai giovani speranza per il futuro e un'alternativa ad una vita di criminalità» ha ammesso Samawade Ali-Dahir, presidente della Indian Ocean University in una recente intervista al periodico online University World News. «Questo approccio ad hoc all'istruzione superiore è insostenibile e richiederà coinvolgimento e regolamentazione da parte del governo».

Quali sono le priorità dell'istruzione superiore somala? Secondo Abdiwahab Ali Mumin, direttore del Center for Research and Studies in Somalia con sede a Mogadiscio, tutte le attività legate al miglioramento manageriale e istituzionale (capacity building, ndr) e all'accesso all'istruzione. Mumin ritiene necessario sviluppare un piano strategico decennale per lo sviluppo del settore e migliorare le pari opportunità, la qualità della didattica e dell'apprendimento e la sostenibilità fiscale. Egli parla anche di «preoccupazioni circa l'irrilevanza di programmi accademici per i bisogni del paese, l'inadeguatezza e l'inesperienza del personale accademico, la mancanza di spazi e curricula appropriati. [...] La maggior parte delle sfide e degli ostacoli allo sviluppo dell'istruzione universitaria in Somalia non possono essere superate in assenza di un'azione da parte del governo. Noi riteniamo che l'istituzione di un'Authority nazionale per la qualità e l'accreditamento avrà un impatto importante nel migliorare la qualità delle istituzioni universitarie».  

 


Manuela Borraccino
(26 febbraio 2015)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG