• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Le facoltà di Scienze politiche in Italia
Roberto Scarciglia, Franca Alacevich, Francesco Guida
 


Il Mulino, Bologna 2015, pp. 216, euro 19,00
 
Nel novembre 2011 l’Università di Salerno ha ospitato il convegno “Istruzione come bene pubblico nei 150 anni dell’Italia unita. Il ruolo delle facoltà di Scienze politiche”, organizzato dalla Conferenza dei presidi delle facoltà di Scienze politiche.
In occasione di questo Convegno nasce l’idea di Le facoltà di Scienze politiche in Italia, dove viene illustrata la genesi – spesso complessa – di tale importante comparto del sapere accademico.
La legge 30 dicembre 2010 – meglio nota come Legge Gelmini – ha riorganizzato le università italiane secondo nuovi criteri, lasciando ai singoli atenei l’autonomia delle scelte. Per questo motivo, in molti atenei le facoltà di Scienze politiche sono state incorporate in altri dipartimenti. Gli autori del presente volume illustrano proprio l’iter seguito dalle facoltà di diverse sedi universitarie: Bari, Bologna, Firenze, Genova, Macerata, Milano Cattolica, Milano Statale, Napoli Orientale, Padova, Perugia, Roma Sapienza, Roma Tre, Salerno, Siena, Teramo, Trieste, Calabria, Urbino, Valle d’Aosta.
Di ogni sede viene illustrata l’origine storica della facoltà, descrivendone il progetto culturale iniziale e come esso sia cambiato nel tempo per adeguarsi ai mutamenti storico-sociali in atto; soprattutto viene spiegato come tali cambiamenti abbiano inteso rispondere alle crescenti esigenze di internazionalizzazione della società italiana.
In linea generale, i corsi di laurea in Scienze politiche nacquero negli anni del fascismo per formare la classe dirigente, gli amministratori pubblici e i diplomatici, ma erano inglobati nelle facoltà di Giurisprudenza e in molti casi hanno dovuto faticare non poco per acquisire un’indipendenza dagli studi giuridici e una connotazione diversa, pur integrando alcune discipline comuni.
Negli anni Cinquanta-Sessanta la “contaminazione” delle facoltà giuridiche, economiche e politiche da parte del mondo politico-amministrativo sono state molto forti. Poi il Sessantotto ha infranto i vecchi equilibri, e il dpr 382/80 ha interrotto i rapporti tra università e politica, aprendo l’ingresso al mondo imprenditoriale.
La riforma Gelmini ha ristrutturato il sistema di governance universitaria e le facoltà “tradizionali” sono scomparse, trasformandosi in altre realtà. Anche le facoltà di Scienze politiche hanno subito questa evoluzione, creando a volte qualche crisi di identità. Tuttavia il cambiamento non deve essere vissuto solo in senso critico, ma come l’occasione per cogliere nuove opportunità: ogni scelta richiede coraggio ed entusiasmo, ma offre anche l’opportunità di soddisfare le nuove richieste della società.
Ludovica Sabatini
Per acquistare il libro 
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG