• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Brexit e le ragioni dello spirito europeo
Regno Unito
 


Il vice-chancellor dell'Università di Cambridge, Sir Leszek Borysiewicz, è un europeista convinto: nel marzo scorso - nel discorso We are international; but we are European first - ha esposto con chiarezza le sue posizioni a favore della permanenza della Gran Bretagna nell'Unione Europea, sostenendole con argomentazioni che superano la dimensione esclusivamente economica che sta connotando i dibattiti dai toni piuttosto accesi sui media non solo britannici.

Il 16 giugno 2016 Sir Leszek Borysiewicz ha tenuto un discorso in Polonia al Natolin Campus (Varsavia) del Collegio d'Europa: un invito alla riflessione sulle buone ragioni per cui sarebbe più conveniente che la Gran Bretagna scegliesse di rimanere in Europa.

Borysiewicz ricorda che la Gran Bretagna è parte dell'Europa: la sua separazione dal "continente" è solo un fatto geologico.
Egli si definisce la perfetta incarnazione di cosa significa l'ideale europeo: cresciuto in Galles in una famiglia di rifugiati polacchi, oggi dirige uno degli atenei britannici per eccellenza. Ma si sente europeo dentro: il suo essere britannico è parte di un sentimento di appartenenza all'Europa, tanto quanto la sua eredità culturale polacca. Il senso di apertura del progetto europeo lo ha formato dal punto di vista personale e professionale.

Quali ripercussioni potrebbe avere Brexit sul mondo accademico e su quello della ricerca? Ma soprattutto avrebbe senso una chiusura in un mondo - nonostante tutto - aperto? Isolarsi per fermare la pressione di un fenomeno migratorio che sembra senza fine sarebbe davvero la soluzione? Abbandonare il proprio posto nei tavoli delle trattative non si tradurrebbe nell'avere meno voce in capitolo e nel perdere un prestigio, ad oggi indiscusso?



Leggi il testo integrale del discorso.
 


Isabella Ceccarini
(16 giugno 2016)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG