• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Testi universitari in ebook: il 50% è adottato nelle facoltà umanistiche
Editoria scientifica
 


A metà giugno 2016 Athena Università, la banca dati dei testi adottati negli atenei italiani, ha pubblicato un report sull'utilizzo degli ebook per lo studio scientifico nelle università. I dati, riferiti all'anno accademico 2015/2016 evidenziano come le adozioni di libri di testo in formato digitale abbiano sfiorato il 50% nell'area umanistica e linguistica (35,8% solo a Lettere e Filosofia). L'area di ingegneria e delle scienze si è fermata al 30%, mentre il settore giuridico-economico non ha superato il 25%. Il primo editore italiano di libri di testo in ebook è Laterza (157 titoli), seguita da Mondadori (128) e Carocci (78). L'Alma Mater Studiorum di Bologna è l'università che adotta il maggior numero di testi in formato digitale (13%), seguita dalla Statale di Milano e dall'Università di Padova. (Leggi l'intervista all'editore Alessandro Laterza - Gazzetta del Mezzogiorno, 16/06/2016)

Questi pochi dati confermano che il settore dell'editoria scientifica non è indifferente al fatto che le pubblicazioni in formato digitale si stanno lentamente affiancando al tradizionale libro di testo cartaceo. Il fenomeno è in continua evoluzione e le case editrici hanno iniziato a ripensare il modo di aiutare le università a trasmettere contenuti in modo innovativo e al passo con i tempi.

La dialettica tra libro cartaceo e libro digitale è una questione che divide non solo gli editori, ma gli stessi docenti universitari. Il problema non è solo di carattere economico. L'evoluzione dello studio scientifico prevede, a causa dell'avvento del digitale, un cambio drastico nel modo di trasmettere contenuti. Sembra, però, impensabile prescindere dal libro di testo in quanto manuale d'autore di caratura scientifica certa. Per alcuni studiosi del fenomeno occorre trovare una sintesi tra "vecchio" e "nuovo", ovvero fare in modo che siano editori e istituzioni a collaborare per mettere creare nuove forme innovative di comunicazione dei contenuti, in grado di agevolare gli studenti nel loro percorso di studi. Il riferimento è a due esempi già attivi: la piattaforma LEA della casa editrice Laterza, e la piattaforma AlmaDL per gli studenti dell'Università di Bologna.

Gli studi scientifici, per il momento, non sono a favore dell'apprendimento digitale. In base a un progetto di ricerca sviluppato nel 2014 da Anne Mangen (University of Stavanger) e Jean Luc Velay (Aix-Marseille Université), l'assimilazione di un testo letto su ebook sarebbe decisamente più bassa rispetto alla lettura su carta, perché il libro tradizionale permetterebbe al lettore di toccare con mano l'avanzamento nella lettura e questo potrebbe contribuire al consolidamento di ciò che ha letto (Cognitive implications of new media, in "Johns Hopkins Guide to Digital Media", pp. 72-77).


Un interessante punto di vista sull'utilizzo delle nuove risorse didattiche (tra cui l'uso degli ebook) è nel trimestre del n. 134 di Universitas (dicembre 2014), a cui rimandiamo.

 


Danilo Gentilozzi
(24 giugno 2016)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG