• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Osservatore e interprete delle realtà del Novecento
La scomparsa di Zygmunt Bauman
 



Il 9 gennaio è morto a Leeds il sociologo e filosofo polacco Zygmunt Bauman (era nato a Poznan il 19 novembre 1925). Novantuno anni vissuti intensamente fino alla fine, con lucidità e capacità di analisi che avrebbero fatto invidia a un trentenne. La sua grande popolarità era dovuta anche all’abilità di parlare in modo semplice, ma non superficiale, alla gente comune.

Bauman è stato testimone delle crisi, delle tragedie e dei cambiamenti che hanno attraversato il Novecento. Si è servito di metafore efficaci – come la “società liquida” o le “vite di scarto” – per rappresentare la solitudine dell’uomo in un mondo globalizzato dove il presente, dominato dalla cecità morale, sembra farsi sempre più oscuro: la dissoluzione delle comunità e delle relazioni umane continua a minare le nostre certezze, e il concetto di “rifiuti” viene applicato anche agli essere umani.

Facendo un confronto tra il periodo della guerra e quello attuale, il sociologo rilevava un differenza sostanziale: allora c’era la speranza di uscire dal tunnel, oggi l’insicurezza sembra non avere fine. Eppure, sebbene constatasse la dissoluzione delle relazioni e la rincorsa di piaceri effimeri, Bauman non era pessimista: il raggiungimento di un nuovo equilibrio avrebbe richiesto molti anni, ma i giovani avrebbero potuto affrontare con successo la sfida di un cambiamento. Un’esortazione ad affrontare realtà complesse ritrovando il senso di condivisione.

Bauman si era soffermato anche sui cambiamenti e sulle innovazioni delle istituzioni formative: «la crisi dell’era postmoderna ha indebolito la centralità istituzionale del sapere e dei suoi rappresentanti», come citato nell’articolo pubblicato in Universitas 130 alle pp. 57-60.
 
Isabella Ceccarini
(gennaio 2017)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG