• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Il valore del titolo universitario nel mercato del lavoro: chi studia a Milano guadagna di più
 


Prima di iscriversi all'università, le domande degli studenti e dei genitori sono sempre le stesse: conviene prendere un titolo di studio universitario? Conviene scegliere un'università statale o non statale? Meglio studiare al Nord, al Centro o al Sud? E quale università mi permette di avere le migliori possibilità di carriera? A queste domande ha provato a dare risposta JobValue, la società di consulenza manageriale specializzata nei sistemi di risorse umane, che ha pubblicato il rapporto "Quanto vale il titolo di studio universitario nel mercato del lavoro italiano", nel settore di analisi JobPricing sul mercato delle retribuzioni italiane.

Basata su un campione di 180mila lavoratori dipendenti di aziende private tra il 2014 e il 2015 (di cui 89mila laureati), l'indagine si sofferma sul livello di retribuzione annuale lorda percepita dai laureati in base all'università frequentata. Alcuni dati appaiono già "datati", in quanto confermati dalle principali indagini sulle retribuzioni dei laureati (es. AlmaLaurea): con un titolo universitario, specialmente di secondo livello (laurea magistrale), si percepisce una retribuzione più alta rispetto ai diplomati. La retribuzione annua dei laureati aumenta d'importo nel corso degli anni in misura sostanziale rispetto a chi si ferma al diploma. Conseguire la laurea magistrale, o un master di secondo livello, accresce in modo considerevole la probabilità di ottenere incarichi dirigenziali.

La scelta tra università statale o non statale favorisce quest'ultima tipologia. Aver frequentato un'università non statale fa ottenere un ritorno economico superiore del 17% rispetto a chi ha frequentato un'università statale e del 4% rispetto a chi ha studiato in un politecnico. Aver frequentato un'università del Nord significa guadagnare mediamente il 13% in più rispetto a chi ha studiato al Sud. I fenomeni migratori evidenziano come chi studia al Nord tende a rimanere al Nord, mentre il 62% di chi ha studiato al Sud attualmente è occupato in un'azienda del Centro (23%) o del Nord (39%).

Milano e Roma si contendono le università da frequentare per avere in seguito una retribuzione media di alto livello tra i 25 e i 34 anni. In ordine, i primi cinque posti sono occupati da: Università BocconiPolitecnico di MilanoUniversità CattolicaLUISS - Guido Carli e Università "Tor Vergata". Le università non statali si confermano una scelta "vincente" non solo per la retribuzione di partenza dei laureati, ma anche per le opportunità di carriera in termini di inquadramento contrattuale che si può raggiungere: Bocconi, Luiss e Cattolica sono anche le tre università (tutte non statali) in cui la retribuzione annua lorda cresce in modo maggiore nella prima fase della carriera, mentre per SienaMilano Statale e Ca' Foscari di Venezia l'aumento è significativo nella seconda parte della carriera (35-44 anni).

Un'analisi interessante è data dall'University Payback Index (U_P_I), ovvero il numero di anni necessari per ripagare gli investimenti sostenuti nel corso degli studi universitari. Tenendo conto dei costi universitari e del mancato guadagno dello studente dovuto alla frequentazione dell'università, e in virtù del beneficio economico calcolato sulla retribuzione media del laureato di uno specifico ateneo, l'indagine evidenzia come l'U_P_I oscilli tra gli 11 anni e mezzo del Politecnico di Milano e i 20 anni dell'Università degli Studi di Napoli Parthenope



  
Danilo Gentilozzi
(20 giugno 2016)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG