• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Spagna: tirocini universitari, una petizione online per retribuire adeguatamente tutti gli stagisti
 


Grazie ad una petizione sul sito Change.org, pubblicata dalla facoltà di Scienze dell'Informazione dell'Università Complutense di Madrid, è stata smascherata l'amara realtà dei tirocini universitari in Spagna. L'iniziativa, dal titolo provocatorio #GratisNoTrabajo, ha già raccolto più di 75.000 firme e descrive la prassi comune a sempre più aziende di sfruttare gli stagisti senza dar loro alcuna remunerazione.

Tale abitudine non sembra prerogativa della sola Spagna. Già nel 2013 un sondaggio della Commissione europea su quasi 13.000 giovani europei ("The experience of traineeships in the EU") confermava che un 58% di tirocinanti spagnoli avevano dichiarato di non aver ricevuto nessun compenso. Il miglioramento degli indici economici spagnoli, registrato tra il 2014 e il 2015, secondo un articolo del quotidiano El Mundo si deve solo all'aumento del numero di stagisti. Seppur semplificando, il quotidiano spagnolo svelava un fenomeno esistente e comprovato dai numeri: nel 2013 erano 20.000 gli stagisti che lavorano in azienda, mentre nel 2015 sono aumentati a 70.000.

Ciò che stupisce e indigna maggiormente è che tra queste migliaia di giovani non risultano coloro che, seppur lavorando in aziende, non hanno ricevuto remunerazione né erano iscritti ad alcuna forma di contribuzione della previdenza sociale. Nel 2015 sono stati circa 180.000 gli stagisti in questa situazione, il che ha consentito alle aziende di non contrattualizzare i lavoratori e, al contempo, di "offrire" agli universitari la possibilità di acquisire un'esperienza professionale. Sempre secondo il quotidiano El Mundo, alla domanda se gli stage universitari risultassero utili nell'ambito professionale, il 91% dei giovani spagnoli ha risposto affermativamente.

A regolamentare i tirocini universitari è il Real Decreto 592/2014, che stabilisce: "i tirocini costituiscono un'attività di carattere formativo, il cui obiettivo è quello di completare e mettere in pratica le conoscenze apprese durante la formazione accademica, favorendo l'acquisizione di competenze funzionali all'esercizio di attività professionali e aumentando le possibilità di occupazione".

Il decreto, tuttavia, lascia privi di regolamentazione alcuni punti importanti, come ad esempio la remunerazione e le condizioni del tirocinio (durata, orari ecc.); in altri casi è in evidente contrasto con la realtà. Se per legge i tirocini non possono implicare "in nessun caso obblighi propri di un rapporto lavorativo", a molti stagisti è stato chiesto (quasi imposto) di formare i propri sostituti, attività normalmente di competenza dei dipendenti. Così come, a detta del 72% dei giovani spagnoli, le condizioni in azienda in termini di ore e carichi lavorativi erano equivalenti a quelli dei lavoratori regolari.




Elena Cersosimo
(30 maggio 2016)



(Fonte: Becarios en España: "No queremos trabajar gratis", Aceprensa.com - 6 aprile 2016)


Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG