• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Le università australiane: una realtà in continua crescita nel panorama internazionale
 


Secondo una conferenza dell’IDP, il numero di ricercatori d’oltreoceano in Australia è cresciuto del 67% dal 2002 al 2007, mentre il numero di studenti internazionali nell’istruzione superiore è aumentato del 52%, segno evidente dello sforzo compiuto dal paese per competere nella guerra globale di talenti. Tuttavia solo il 19,7% di tutti i ricercatori nelle università australiane sono internazionali, secondo i dati 2008 dell’Australian Education International presentati a Brisbane.
Melissa Banks, ricercatrice dell’IDP, ha ribadito che “tale risultato è frutto di uno sforzo sistematico, specie tra il Gruppo di 8 università, per sostenere i ricercatori d’oltreoceano di più alto livello attraverso borse di studio, sussidi, occupazione assistita e iscrizioni ridotte. I risultati indicano che stiamo facendo enormi progressi e sfidano la visione secondo la quale abbiamo programmi uni dimensionali per gli studenti internazionali.” Lo sforzo di ricerca effuso dall’Australia si basa sulle università, sugli istituti di ricerca e sui propri studenti. Secondo Dean Forbes, della Flinders University, e Max King, della Monash University, le università dell’HES si sono rivolte agli studenti d’oltreoceano per ovviare al declino di studenti interni desiderosi di fare ricerca.
Ciò nonostante, c’è ancora molto da fare. Le università devono offrire ai propri studenti sostegno linguistico, al di là dell’inglese. Come ribadito dal prof. Forbes, che è anche il portavoce internazionale delle università internazionali, “Sebbene i nostri studenti non possiedano un inglese standard, hanno molto da offrire. Resteranno per fare ricerca, il che aiuterà a svecchiare la nostra forza lavoro”. Un altro problema riguarda le borse di studio: “Non siamo presenti sul mercato perché offriamo pochissime borse di studio”, sostiene il prof. Marginson dell’Università di Melbourne, “Molti dei nostri ricercatori internazionali lottano per borse di studio esimie, che non consentono loro di mantenersi. In questo modo non possiamo realmente competere con Stati Uniti ed Europa”. Il prof. King spera che una parte dei profitti provenienti dall’industria mineraria possa essere investito nella ricerca.

da The Australian
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG