• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Germania/L'istruzione dà nuova linfa all'economia
 


Una bizzarra ma originale proposta viene dal Ministro dell’istruzione e della ricerca tedesco Annette Schavan: finanziare l’istruzione superiore e la ricerca per risollevare l’economia del paese. La Schavan sostiene che investendo circa 15 miliardi di euro nelle infrastrutture dell’istruzione superiore e offrendo incentivi fiscali a piccole e medie imprese da spendere maggiormente nella ricerca si può dare nuovo slancio agli affari. Le sue proposte fanno parte di un più ampio progetto che coinvolge anche il commercio, l’industria locale, e più nello specifico il settore delle costruzioni, l’edilizia scolastica, etc. La domanda complessiva sarà stabilita sulla base delle richieste di rettori e presidenti.
 
Ogni istituzione riceverebbe una media di 100.000 euro, a seconda del numero degli studenti. A suo dire i benefici sarebbero innumerevoli e si tradurrebbero nella conservazione dei lavori locali, in maggiori entrate fiscali, in un paese rinnovato dopo un periodo di crisi e nella fine delle polemiche sul degrado di molte istituzioni.
Alcune obiezioni sono state sollevate dal GEW (Germany's Teachers' and Scientists' Trade Union) che, pur apprezzandolo, ritiene che il programma sia irrealizzabile. Il suo presidente, Ulrich Thone, sostiene che la spesa per l’istruzione dovrà arrivare almeno al 7% del Pil per raggiungere la media OECD, altrimenti la Germania non potrà restare al passo a livello internazionale, ricordando il significativo calo dell’istruzione nel Pil registrato dal Federal Statistical Office. Piuttosto scettico su come tali proposte verranno finanziate, preannuncia contrasti tra lo Stato e i governi federali e chiede una soluzione che coordini la loro azione in un quadro di strategie nazionali e internazionali per combattere la crisi finanziaria.
(michael.gardner@uw-news.com)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG