• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
21. I nuovi titoli accademici. Accesso al pubblico impiego e alle professioni
Numero: 21
 



di Federico Roggero
aprile 2007 – pp. 195 – €15
Come cambia l’accesso alle professioni regolate e al pubblico impiego in seguito alle modifiche apportate al sistema dei titoli accademici a partire dal d.m. 3 novembre 1999, n. 509?
Come cambia l’accesso alle professioni regolate e al pubblico impiego in seguito alle modifiche apportate al sistema dei titoli accademici a partire dal d.m. 3 novembre 1999, n. 509?
A tale quesito tenta di rispondere l’autore ripercorrendo l’iter seguito dalle riforme culminate con il d.m. 22 ottobre 2004, n. 270, che ha sostituito, in parte modificandolo, il decreto n. 509. In un ordinamento come quello italiano, ancora legato al concetto di valore legale dei titoli di studio, ogni modifica nell’ordinamento dei titoli universitari implica, infatti, un corrispondente assestamento negli ordinamenti del pubblico impiego e delle professioni. Solo in parte, però, il legislatore ha affrontato questi problemi di coordinamento, ad esempio ridisegnando il volto di molti albi professionali (Dpr 5 giugno 2001, n. 328) e dettando linee guida alle amministrazioni per la predisposizione dei bandi per l’accesso al pubblico impiego (circ. n. 6350/4.7 del 27 dicembre 2000). Per il resto, il coordinamento – che pone, tra l’altro, delicati problemi di equipollenza fra vecchi e nuovi titoli, anch’essi risolti solo in parte dal legislatore – viene operato dalla prassi.
Parte essenziale del lavoro sono la tabella sulle equipollenze – costruita attingendo all’archivio on-line del Cimea della Fondazione Rui – e le schede sulle professioni, per ciascuna delle quali viene fornito l’elenco dei titoli attualmente richiesti per l’accesso.


Federico Roggero, avvocato, è ricercatore di Storia del diritto italiano nell’Università degli Studi di Teramo e docente nel corso di laurea magistrale in Giurisprudenza. Si interessa di storia della cultura giuridica e delle università.  Dal 2002 collabora con la Fondazione Rui allo studio e alla documentazione sui problemi della nuova legislazione in materia universitaria.
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG