• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Più voce agli studenti
Intervista al rettore Decleva
 


Intervistato da Giovanni Trovati per Il Sole 24 Ore, Enrico Decleva ammette che oltre alla riduzione dei corsi in funzione dei requisiti stabiliti dalla normativa vigente, occorre rafforzare un'altra parte importante dei requisiti stessi, quella che dà voce agli studenti.
Enrico Decleva guida la Statale di Milano e la Conferenza dei rettori e segue da vicino (con qualche preoccupazione) l'adeguamento delle università italiane ai requisiti di qualità.

A Milano non avete ridotto i corsi.
Perché non c'era bisogno, almeno per ora. Abbiamo un numero di docenti elevato in rapporto ai corsi, e tutt'al più c'è qualche caso di modesta attrattività nei confronti degli studenti. L'anno prossimo, comunque, faremo le verifiche definitive, e anche per i pochi corsi attivati quest'anno decideremo subito se è il caso di mantenerli o meno.

Le regole sui requisiti chiedono anche più trasparenza nelle informazioni agli studenti e più attenzione ai loro giudizi sull'offerta. Come si stanno muovendo gli atenei?
La prima tappa è stata rappresentata dai questionari consegnati agli studenti per registrare le loro valutazioni sui corsi, ma ora bisogna fare di più. A Milano abbiamo esteso queste pratiche anche ai laureandi e ai dottorandi, per superare un limite grave, legato al fatto che con i questionari tradizionali si interpellano solo gli studenti frequentanti, e solo in un dato periodo dell'anno. Ora però stiamo studiando forme ulteriori.

È un tassello importante in vista del decollo della valutazione.
Ora occorre che il nuovo sistema prenda davvero corpo, che si faccia l' agenzia nazionale e che questa abbia rapporti stretti con gli atenei. Occorre un metro unitario di valutazione e di accreditamento, anche per superare le discussioni sul valore legale del titolo.
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG