• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Germania: finanziamento record per l’istruzione superiore
 


Nonostante la più grave crisi economica dalla seconda Guerra mondiale, i governi statali e il governo federale della Germania hanno siglato un accordo di finanziamento per l’istruzione superiore e la ricerca del valore di 18 miliardi di euro. La somma, che verrà corrisposta per un periodo di 10 anni, rappresenta la più ampia misura di sostegno che il paese abbia mai visto. Il governo federale darà 11.8 miliardi di euro, il resto verrà fornito dai governi statali. Tale cifra verrà impiegata nella realizzazione di un maggior numero di posti di studio, promuovendo l’eccellenza accademica e sostenendo ulteriormente le istituzioni della ricerca. Il nuovo Patto dell’Istruzione superiore e della Ricerca era stato annunciato durante il summit dello scorso anno, quando i capi dei governi statali e federali si erano incontrati per esaminare i problemi più urgenti della Germania nel campo dell’istruzione superiore e della ricerca.
La Germania aveva più di due milioni di studenti iscritti nel semestre invernale 2008-2009. In considerazione di tale dato, sarà necessario creare alloggi per altri 275.000 studenti da qui al 2015. Il Patto prevede 26.000 euro per ogni studenti in più per un periodo di 4 anni: il governo federale contribuirà con 3.75 miliardi di euro e ci si aspetta che i governi statali facciano altrettanto. I finanziamenti, tuttavia, saranno condizionati dalla percentuale di nuovi iscritti effettivi. Ad esclusione di Berlino, la Germania mostra una singolare distribuzione: nei nuovi Stati dell’est il numero di studenti sta rapidamente decrescendo mentre sta aumentando costantemente in quelli dell’ovest. Ci si aspetta, quindi, che il denaro confluisca nelle regioni più grandi, quali la Nord Reno-Westfalia e la Baviera.
Il Presidente della Conferenza tedesca dei Rettori, Margret Wintermantel, ha accolto con entusiasmo questa misura. Già nel 2005 il governo federale aveva lanciato una “Iniziativa eccellenza”, per incoraggiare le brillanti performance accademiche, stanziando una cifra iniziale di 1.9 miliardi di euro fino al 2011. Oggi la cifra predisposta è di 2.7 miliardi di euro, con l’introduzione della qualità dell’insegnamento come quarto criterio nel processo di selezione.
Il terzo elemento del patto consiste nel sostegno finanziario offerto alle 5 maggiori organizzazioni nazionali di ricerca: la German Research Foundation, la Max Planck Society, la Fraunhofer Society, la Helmholtz Association e la Leibniz Association. Ad esse sarà garantito un aumento annuale nel bilancio del 5%, nel periodo che va tra il 2011 e il 2015, per consentire una maggiore sicurezza nella programmazione. Il Ministro federale per l’istruzione e la ricerca, la cristiana democratica Annette Schavan, parla di “un gran giorno per l’istruzione e la ricerca”. Ora, nonostante la crisi, i politici hanno gettato le basi per creare un futuro benessere. Con questa decisione il Cancelliere federale e i Primi Ministri hanno riconosciuto che spendere nell’educazione e nella ricerca significa investire sul futuro.

Ec    (Fonte: University World News, 21.6)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG