• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Il giuramento dell'Harvard Business School
Imprenditoria ed etica
 


“Agirò con la massima integrità e svolgerò il mio lavoro in maniere conforme all’etica”. “Gestirò la mia impresa in buona fede, evitando decisioni e comportamenti che favoriscano le mie personali ambizioni e compromettano l’impresa e le persone che vi lavorano”. Questa e altre promesse sono state fatte da 400 studenti dell’Harvard Business School lo scorso 3 giugno, la sera in cui hanno ricevuto il diploma di Master in Amministrazione delle imprese (MBA) insieme ad altri 500 alunni. Tale giuramento non ha carattere ufficiale per l’Università di Harvard. Nasce dall’idea di uno dei neodiplomati, Max Anderson, che in un solo mese di campagna ha ottenuto una larga adesione tra gli altri studenti. La crisi economica, con le notizie di comportamenti irresponsabili da parte dei gestori di banche e imprese, ha contributo ad un successo tanto rapido dell’iniziativa. Il giuramento, difatti, avverte: « La ricerca del proprio interesse è il motore vitale dell’economia capitalista ma l’avidità sfrenata può arrecare gravi danni». Di fronte all’idea, sostenuta da alcune autorità in materia, che l’unico dovere dell’ amministratore è quello di apportare il massimo beneficio agli azionisti, il preambolo afferma che il fine dell’MBA è “servire il bene comune”. Si legge nel secondo paragrafo: “Difenderò gli interessi dei miei azionisti, colleghi, clienti e la società in cui lavoro. Mi sforzerò di proteggere gli interessi di coloro che non hanno potere ma il cui benessere dipende dalle mie decisioni”.
La promessa di impegnarsi a “creare prosperità economica, sociale ed ecologica sostenibile in tutto il mondo” sembra eccessiva, seppur alla moda, per la maggior parte dei responsabili di un MBA. Tale giuramento aspira ad essere per gli amministratori delle imprese come quello di Ippocrate per i medici: ma, a differenza di quest’ultimo, contiene pochi precetti concreti, il che lo rende inefficace, come segnala The Economist. Il giuramento di Harvard diventa, però, più concreto in due punti. «Mi farò carico della responsabilità delle mie azioni e presenterò i risultati e i rischi della mia impresa in modo leale ed esatto. La mia intenzione non sarà quella di distorcere la verità, ma spiegarla in maniera trasparente e aiutare gli altri a capire come si prendono le decisioni che li coinvolgono» E l’altro punto : « Conoscerò e rispetterò, tanto nelle parole quanto nello spirito, le leggi e i doveri che reggono il mio comportamento, non li infrangerò, disprezzerò ed eviterò apertamente; cercherò di riformarli con mezzi rispettosi e accettabili ». Gli altri punti sono: assicurare le continua formazione professionale, propria e dei subalterni, e dar conto ai colleghi del rispetto del giuramento ed esigerlo dagli altri.
Il giuramento è rimasto aperto alla firma di tutti i professionisti del ramo. Fino ad ora hanno aderito più di 1200 laureati, anche di altre università e paesi.
Traduzione di Elena Cersosimo  da Aceprensa  
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG