• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
I programmi dottorali in collaborazione tra università e aziende
Indagine dell'Eua
 


Più di metà dei titolari di dottorato di ricerca in Europa oggi decide di intraprendere una carriera al di fuori del mondo universitario, di lavorare in aziende del servizio pubblico e del settore dei servizi. Allo stesso tempo le università europee stanno cercando di sviluppare legami sempre più forti nel campo della ricerca con le aziende (non solo le grandi imprese basate sulla ricerca ma anche le piccole e medie).
Un’indagine pubblicata il 4 giugno dall’EUA (European University Association) sottolinea che i programmi dottorali (Phd) in collaborazione tra le università e le aziende vanno acquistando sempre maggiore rilevanza in Europa. Il nuovo studio dell’EUA “Collaborative Doctoral Education: University-Industry Partnerships for Enhancing Knowledge Exchange” è parte di un più ampio progetto biennale (DOC-CAREERS), promosso dalla DG Ricerca della Commissione europea, che coinvolge 33 università, 31 aziende e altre 18 organizzazioni di 20 diversi paesi europei. E’ stato presentato durante un incontro del Council for Doctoral Education svoltosi a Losanna lo scorso giugno. Il rapporto sottolinea che sia le università che il mondo delle aziende considerano i programmi di dottorato importanti canali per sostenere gli sforzi di innovazione e reclutamento. Dal punto di vista delle aziende, la partecipazione a tali programmi è valutata in modo molto positivo perché dà loro la possibilità di entrare in contatto con una forza lavoro altamente qualificata e con la ricerca accademica di avanguardia. Allo stesso tempo consente alle università di stabilire collaborazioni a lungo termine con il mondo produttivo e accresce la consapevolezza del valore aggiunto che la ricerca universitaria può apportare alle aziende e alla società in generale. I programmi dottorali danno anche ai dottorandi un’importante visibilità negli ambienti non universitari e costituiscono un eccellente mezzo per migliorare la capacità dei giovani ricercatori di collegare il pensiero astratto con le applicazioni pratiche. Lo studio dell’EUA dimostra che le imprese – sia piccole che medie - nutrono grandi aspettative sui dottorandi, attendendo che siano eccellenti nella ricerca ed anche consapevoli delle logiche proprie del contesto imprenditoriale e della regolamentazione dei mercati. In conseguenza di ciò è cresciuto il riconoscimento, all’interno delle università, della necessità di sviluppare tra i dottorandi quegli skills noti come “trasferibili”, oltre a quelli propri della ricerca. Il lavoro dell’EUA mostra anche alcune differenze tra le aspettative delle aziende: le piccole e medie imprese tendono infatti a dare più importanza ai cosiddetti soft skills, da unire alle capacità di ricerca dei dottorandi, mentre per le aziende più ampie il valore nell’assumere un dottorando sta, in primo luogo, nella profonda conoscenza che quest’ultimo ha di una particolare area. Il progetto DOC-CAREERS ha altresì tratteggiato alcune delle condizioni necessarie per dar vita a programmi dottorali di successo, quali la “componente personale”, l’abilità di risolvere i problemi, creare fiducia e sviluppare le relazioni. Il Rapporto EUA sottolinea anche come il sostegno dei governi a tali programmi sia essenziale per sviluppare collaborazioni tra università e aziende, specialmente per le piccole e medie. L’autrice del rapporto, Lidia Borrell-Damian, afferma in conclusione che le prove raccolte durante il DOC-CAREERS hanno dimostrato che le università e le aziende condividono molti punti di vista sulle opportunità, sulle sfide e sugli ostacoli associati ai programmi dottorali.
Elena Cersosimo
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG