• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Garanzia dell'equità nell'accesso agli studi superiori
Indagine Ocse
 


Una recente indagine dell’Ocse ha rilevato che i giovani dei ceti economicamente più svantaggiati hanno minori prospettive di accedere all’istruzione secondaria superiore, e quindi principalmente di laurearsi, rispetto ai coetanei più agiati. I governi nazionali, a fronte della imponente richiesta di figure professionali evolute, hanno la consapevolezza di dover favorire la crescita del numero dei laureati. Ci s’interroga se la garanzia dell’equità nell’accesso sia problema più etico che economico, cioè se l’accesso vada garantito a tutti – anche agli studenti meritevoli ma privi di mezzi – per rispettare i principi costituzionali di uguaglianza (“senza distinzioni di razza, lingua, religione”), oppure per rispondere al bisogno di figure professionali necessarie allo sviluppo economico di un paese.
L’Associazione Internazionale delle Università ha recentemente stilato un rapporto che analizza le situazioni dei paesi più evoluti e fornisce le possibili soluzioni per garantire l’equità nell’accesso. In questo documento si sottolinea come sia indispensabile una maggiore equità nell’accesso, ma solo se è accompagnata dal compimento con successo dell’iter formativo. Accesso e successo sono due elementi che vanno di pari passo perché garantiscono una certa stabilità occupazionale e perciò non possono essere sottovalutati dalle politiche di finanziamento pubblico poste in essere dai governi nazionali.
L’equità nell’accesso è un tema poco sentito in Spagna. Chi prosegue negli studi è lo studente, in particolare di sesso femminile, appartenente alla classe media-superiore e che preferisce studiare piuttosto che cercare lavoro. Un dato interessante riguarda il fatto che se il mercato del lavoro è in recessione, le iscrizioni all’università aumentano e viceversa.
In Francia si sta assistendo allo sviluppo di collaborazioni fra le grandi scuole di epoca napoleonica, per studenti di alto livello e con tasse altissime, e le università sovraffollate e aperte a tutti. Tali collaborazioni dovrebbero consentire a studenti meritevoli ma in condizioni disagiate di portare a compimento gli studi, garantendo strutture di alto livello a prezzi ragionevoli grazie a un sistema di borse di studio.
L’elevato numero di abbandoni è la causa primaria del basso numero di iscritti alle università della Gran Bretagna. Nonostante il governo stanzi da cinque anni fondi specifici per gli studenti in condizioni svantaggiate che si vogliono iscrivere a Oxford e Cambridge, la percentuale d’iscrizioni rimane al di sotto delle aspettative. I laureati arrivano alla conclusione degli studi con poca voglia e i voti di diploma sono insoddisfacenti. Il governo, che recentemente ha eliminato i fondi per le borse di studio, viene accusato di non fornire soluzioni al problema e di impedire che l’accesso all’università venga garantito a tutti.
La Grecia ha una particolarità. Le tasse universitarie non esistono e la formazione dello studente è a carico dello Stato. Le procedure di ammissione all’università sono, però, lente e complesse e dai risultati imprevedibili. L’esame panellenico preclude agli studenti economicamente svantaggiati qualsiasi possibilità di accesso; per preparare tale esame, infatti, sono nate scuole specializzate dai costi elevati. Se si aggiungono le spese “di sopravvivenza” per studiare lontano da casa, l’università rischia di costare fino a ottantamila euro.
Gli Stati Uniti pagano la grave crisi finanziaria del 2009. Le tasse accademiche sono alte e le università preferiscono s
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG