• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Niente fondi per le Università non statali
Finanziaria 2010
 


I tagli effettuati dal governo al fondo per le Università italiane nella scorsa manovra finanziaria non hanno avuto distinzioni. La scure si è abbattuta sia sulle università statali, i cui fondi sono stati ridotti di quasi 700 milioni, sia sulle università non statali, il cui contributo statale si è ridotto a 90 milioni di euro.
C'era grande attesa attorno alla legge Finanziaria per il 2010 a causa, ovviamente, dei fondi rientrati nel nostro Paese grazie alle previsioni del cosiddetto "scudo fiscale". La Conferenza dei Rettori delle Università Italiane aveva auspicato una suddivisione minima dei fondi che consentisse di soddisfare il fabbisogno minimo complessivo, indicato in 500 milioni per le statali e in 50 milioni per le non statali. La Finanziaria 2010, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 30 dicembre, ha attribuito alle Università statali una somma pari a 400 milioni di euro, dimenticandosi del tutto delle Università non statali, come richiesto dalla CRUI con una mozione del 17 dicembre.
Viene a confermarsi, in questo modo, una tendenza degli ultimi anni che mette in secondo piano le Università non statali (tra le quali rientrano atenei importanti per il contributo che danno all'alta formazione e alla ricerca, come la Luiss, la Lumsa, la Cattolica, il Campus Bio-Medico ecc.) le quali riescono a sopravvivere per il 90% grazie alle risorse di cui dispongono in via privata. I contributi statali a queste Università, in base alla legge n. 243 del 1991, coprono circa il 10% del loro bilancio; e non bisogna dimenticare che le non statali costituiscono un quinto del sistema universitario nazionale e che non è presente in Costituzione una norma che distingua i due tipi di Università, come invece accade per le scuole.
Nella mozione del 17 dicembre, la CRUI aveva già parlato di un "clima di discriminazione politica e culturale operata inopinatamente dal Parlamento", in conseguenza delle scelte operate sotto il profilo economico-finanziario tramite la riduzione, prevista nel disegno di legge della Finanziaria del 2010, del contributo statale da 130 a 90 milioni, destinata ulteriormente a diminuire nel 2011 fino a 69 milioni. La mozione è stata presentata il 19 dicembre dal vice presidente della Crui Giovanni Puglisi, rettore della IULM di Milano ovvero di una delle 17 università non statali italiane legalmente riconosciute, alla VII Commissione Permanente del Senato; essa aveva il compito di avvertire gli organi politici della situazione difficile in cui avrebbero potuto versare le non statali se lo stanziamento aggiuntivo non fosse stato approvato in Finanziaria.
Ciò che le università non statali chiedono non è tanto un aumento dei fondi loro destinati, quanto l'assicurazione dell'effettiva par condicio con le statali, pur nel rispetto delle specificità proprie, considerando che queste università si vedono spesso escluse da alcuni interventi dello Stato diretti ad elevare la qualità del sistema, a facilitare la mobilità dei docenti e a promuovere l'accesso alla ricerca per giovani capaci e meritevoli.
<
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG