• Forum: studi umanistici da difendere
  • A proposito di valutazione
  • I nuovi rettori
  • Il piano del Governo per l'università
  • Individuazione delle competenze
  • L'università liquida secondo Bauman
NOTIZIE DALL'ITALIA
18/12/2013
Corsi a numero programmato: riattivato con decreto MIUR il bonus maturità e pubblicata la nuova graduatoria degli idonei
06/12/2013
Il Cardinal Scola all’Università di Milano-Bicocca: università come luogo di formazione alla libertà
04/12/2013
Giovani & Lavoro: presentati i dati del rapporto Specula Lombardia
03/12/2013
La nuova giunta della CRUI
02/12/2013
Diritto allo studio universitario e corruzione: il fenomeno degli studenti “evasori” come nuovo campanello d’allarme
18/11/2013
Italia – Sud Mediterraneo: la cooperazione universitaria tra mobilità accademica e programmi congiunti
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
18/12/2013
Giappone: cresce il numero e la qualità della collaborazione nella ricerca con i paesi in via di sviluppo dell’Asia e dell’Africa
17/12/2013
OCSE PISA 2012: studenti asiatici al top, quelli italiani primeggiano nelle materie scientifiche
16/12/2013
Primo incontro internazionale dei centri di ricerca dell’istruzione superiore a Shanghai
29/11/2013
Unione europea: approvata dal Parlamento la proposta di Regolamento che istituisce Erasmus+
19/11/2013
Eurostat: lo stato di attuazione della Strategia Europa 2020 nei paesi membri, Italia in ultima posizione
05/11/2013
Germania: tre indagini analizzano la situazione economico-sociale e le buone prospettive occupazionali degli studenti universitari
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
La Corte Costituzionale come possibile modello per la Governance universitaria
 



Come ridefinire l'assetto di governance degli atenei, evitando l'autoreferenzialità, ma garantendone l'autonomia? Un modello possibile, secondo Lorenzo Marrucci, professore associato di Fisica della materia presso l’Università di Napoli “Federico II”, è quello della Corte costituzionale. Proponiamo di seguito alcuni estratti del suo articolo pubblicato su LaVoce.info.
 

La Corte Costituzionale, un modello per l'Università
 
(...) In alcune proposte ispirate ai modelli esteri, incluso il recente disegno di legge Gelmini, si pone al vertice delle università un consiglio d'amministrazione con una maggioranza (o quasi) di membri "esterni", ossia diversi da docenti, studenti e altro personale dell'ateneo. Molti temono però che questo possa mettere a rischio l'indipendenza degli atenei. Si teme soprattutto l'ingerenza di politici o imprenditori non disinteressati, o di altri faccendieri privi di scrupoli, di cui il nostro paese è purtroppo ben fornito. Si chiede, giustamente, quale meccanismo di nomina si potrebbe mettere in piedi per evitare tali rischi. (...)
In realtà, una soluzione efficace a questi problemi esiste: (...) la Corte costituzionale.
Qual è la soluzione adottata? Innanzitutto, la nomina dei membri della Corte è stata suddivisa tra vari soggetti, in modo che nessuno ne possa nominare la maggioranza: per un terzo è affidata al Presidente della Repubblica, per un terzo al Parlamento e per un terzo è suddivisa tra diversi organi dell'alta magistratura. Inoltre, i membri non sono nominati tutti insieme, ma scaglionati nel tempo, in modo da diluire ulteriormente il potere di influenza di ciascun soggetto nominante, da scoraggiare criteri di lottizzazione e da creare maggiore attenzione alla nomina di ogni singolo membro. I giudici della Corte hanno poi un mandato lungo (nove anni) e non sono rinnovabili, in modo che una volta nominati non siano più facilmente condizionabili. Infine, i membri devono rispondere a determinati criteri di qualità ed esperienza professionale.
Questi semplici principi, con poche modifiche, possono essere adottati anche per la nomina dei consigli di amministrazione degli atenei. (...) Un terzo del Cda, ad esempio, potrebbe essere nominato dal senato accademico dell'ateneo, rappresentativo di docenti e studenti. Un altro terzo potrebbe essere indicato da un insieme di soggetti esterni che gli atenei individuino come propri stakeholders, quali ordini professionali, associazioni rappresentative delle imprese del territorio, accademie scientifiche e culturali, associazioni di laureati dell'ateneo, amministrazioni pubbliche locali, ecc., separatamente o anche raccolti in un'unica assemblea. La nomina dell'ultimo terzo potrebbe infine essere affidata allo stesso Cda in carica, con un meccanismo di
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG