• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Ricerca: il Commissario europeo ribadisce la necessità di investire il 3% del PIL nazionale
 


Durante un recente Summit del Lisbon Council* sull'innovazione, il Commissario europeo per la ricerca, l'innovazione e la scienza Màire Geoghean-Quinn ha ribadito che per superare la crisi economica l'Europa deve puntare ad investire il 3% del PIL in ricerca.
Nell'attuale periodo di recessione economica tagliare i finanziamenti alla ricerca sarebbe un grave errore e i governi dei paesi europei, anche se in difficoltà di budget,  si debbono impegnare per mantenere tale percentuale come previsto dalla nuova strategia "Europa 2020" adottata dalla Commissione europea.  Il Commissario ha inoltre evidenziato come ricerca e innovazione siano le componenti centrali della strategia europea e debbano avere priorità in quanto costituiscono il motore per la crescita economica e l'occupazione.
Tra le priorità della nuova strategia c'è anche il potenziamento delle infrastrutture nell'ambito dello Spazio europeo della ricerca al fine di incentivare e migliorare la collaborazione tra ricercatori europei.  L'agenda del Commissario Geoghean-Quinn prevede inoltre di snellire le procedure finanziarie ed amministrative dei programmi quadro della ricerca europea e di migliorare  l'uso dei fondi strutturali,  puntando sull'innovazione quale motore di sviluppo.

Carmen Tata

* Il Consiglio di Lisbona è un think thank e un network politico, fondato nel 2003, finalizzato alla definizione di solide strategie per affrontare e gestire le sfide economiche e sociali, attuali e future, strategie basate sull'inclusione, l'opportunità e la sostenibilità, che renderanno accessibili a tutti i cittadini europei i benefici della modernizzazione.   
 
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG