• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
L'incentivazione italiana al "rientro dei cervelli"
 


Un tentativo di arrestare la dispersione del nostro migliore capitale umano è stato concretizzato il 25 maggio u.s. da parte della Camera dei Deputati con l'approvazione della proposta di legge (AC 2079), finalizzata ad incentivare - mediante la concessione di agevolazioni fiscali da utilizzare entro il 2013 - il rientro dei lavoratori dall'estero, compresi i ricercatori.
Come incentivo fiscale è stato introdotto, in luogo del credito d'imposta, un regime di parziale detassazione dell'imponibile. È stato invece soppresso il beneficio in favore dei datori di lavoro, inizialmente previsto per chi assume i suddetti lavoratori con contratti di lavoro o a tempo indeterminato.
Hanno diritto alla concessione dei benefici fiscali i cittadini appartenenti all'Unione Europea dalla nascita nati dopo il 1° gennaio 1969 in uno degli Stati membri dell'UE, anche se residenti nel paese di origine allorché si verifichi una delle seguenti condizioni:
a) siano in possesso di una laurea, abbiano risieduto in via continuativa per almeno 24 mesi in Italia e abbiano continuativamente negli ultimi due mesi un contratto di lavoro dipendente in un paese diverso sia da quello di origine, sia dall'Italia (art.2, comma 1, lett. a);
b) abbiano risieduto in via continuativa per almeno 24 mesi e abbiano svolto continuativamente negli ultimi 24 mesi un'attività di studio in un paese diverso sia da quello di origine sia dall'Italia, acquisendo un titolo di laurea o una specializzazione post laurea (art. 2, comma 1, lett. b).
Il beneficio spetta a condizione che i lavoratori vengano assunti o decidano di esercitare un'attività imprenditoriale in Italia e vi trasferiscano il loro domicilio, confermando la residenza in Italia entro  tre mesi dall'assunzione o dall'avvio dell'attività.
L'art. 3 stabilisce le modalità e la misura del beneficio consistente in una detassazione parziale del reddito imponibile (20% per le lavoratrici; 30% per i lavoratori), non cumulabile con i benefici già stabiliti dal regime vigente (art. 17 DL 185/2008).
Le pratiche burocratiche saranno curate dagli Uffici consolari italiani all'estero anche d'intesa con la Società Italia Lavoro SpA. Le Regioni, nell'ambito delle loro disponibilità, potranno riservare una quota di alloggi e sarà cura del Governo promuovere accordi bilaterali con gli Stati esteri di provenienza, finalizzati a riconoscere la totalizzazione dei contributi versati a forme di previdenza estere con quelli della previdenza nazionale.

Maria Luisa Marino
 
 
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG