• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
"Gender Differences in Educational Outcomes: Study on the Measures Taken and the Current Situation in Europe"
Pubblicazione Eurydice
 


Lo studio di Eurydice Gender Differences in Educational Outcomes: Study on the Measures Taken and the Current Situation in Europe, pubblicato il 7 giugno 2010, contribuisce al dibattito sulla questione di genere nei sistemi di istruzione. Partendo dalla revisione della letteratura sul tema, dalle rilevazioni esistenti - il PISA per le scuole secondarie superiori - Eurydice analizza e raffronta i diversi contesti nazionali.

Numerosi gli spunti di riflessione. Innanzitutto, le somiglianze nell'apprendimento scolastico tra i due sessi sono più delle differenze. Le une e le altre, però, non sempre si collegano univocamente alle politiche educative nazionali in una relazione causale. Inoltre, nel definire le politiche di supporto all'apprendimento bisogna sempre tenere in considerazione lo status socio-economico dello studente. A livello scolastico, la principale debolezza dei maschi rispetto alle femmine riguarda l'abilità nella lettura mentre le femmine hanno una scarsa opinione delle loro abilità scientifiche, opinione peraltro non corroborata dai risultati ottenuti. Su questi due aspetti, così come sulla lotta agli stereotipi di genere, si concentrano le principali politiche nazionali. A livello di istruzione superiore, invece, le differenze di genere sono più evidenti:
-    nella distribuzione degli studenti tra le diverse discipline (segregazione orizzontale);
-    nella progressione nella carriera accademica (segregazione verticale).
Come risulta dai dati dell'Ufficio di Statistica del Miur per l'a.a. 2009-10, le studentesse rappresentano circa il 60% del totale, di cui solo il 20% nel settore dell'ingegneria e il 17% nell'informatica. Raggiungono però il 90% nella formazione primaria e l'89% nei servizi alla persona.

Simili inversioni di rapporto nei differenti ambiti disciplinari sono molto frequenti. A tale proposito, Eurydice non manca di sottolineare come molte politiche nazionali si pongano il problema di aumentare la presenza femminile nei settori della scienza e della tecnica, ma non affrontino con la stessa urgenza l'obiettivo di contrastare la sottorappresentazione maschile nei corsi per la formazione primaria e nei servizi.
Se - con l'esclusione già citata dell'ambito ingegneristico - le donne sono ben rappresentate fino al livello dottorale, dallo studio si evidenzia come, nella docenza, la sottorappresentazione progredisca con i livelli di carriera. Solo in parte imputabili a un più recente ingresso massiccio delle donne nell'istruzione superiore, le quote femminili di ricercatori (40%), associati (30%) e ordinari (15%) fanno<
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG