• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Università e occupazione: statistiche e dati nel Rapporto Svimez 2010
 


Il Rapporto 2010 della Svimez (Associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno), presentato a Roma il 20 luglio, conferma che i giovani pagano un prezzo alto in termini di occupazione nei periodi di crisi, specie nelle regioni meridionali, che fanno guadagnare al nostro paese «il non invidiabile primato del tasso di disoccupazione giovanile in Europa». La laurea paga, ma in ritardo. Nel 2009 il tasso di occupazione dei laureati in età 25-34 anni si è fermato al 53% rispetto al 75% del Centro-Nord. Solo dopo i 40 anni il tasso occupazionale di chi ha completato gli studi al massimo livello si allinea con il resto del paese: 90,3% al Sud, 92% al Centro-Nord.

Eppure, per quanto concerne il sistema universitario, emergono segnali contrastanti. La partecipazione universitaria è aumentata nel suo insieme (il tasso di iscrizione è passato da circa il 33% del 2001 a quasi il 40% nel 2008, con il Mezzogiorno su livelli addirittura più elevati del Centro-Nord - 43,3% rispetto al 36,5%), ma il tasso di passaggio all'università è tornato nel 2008-09 ai livelli di inizio 2000 (62,4% nel Sud e 63,4% nel Centro-Nord) perdendo una decina di punti percentuali. L'incremento degli abbandoni e il calo delle iscrizioni all'università paiono evidenziare un rapporto diverso tra l'istruzione, specialmente quella universitaria, e il sistema economico. Mentre in un recente passato la convinzione della spendibilità del titolo di studio e la legittima aspettativa di retribuzioni migliori avevano favorito l'espansione delle iscrizioni, affiorano ora segnali di scoraggiamento tra i giovani che contribuiscono a "ingessare" il sistema economico e sociale meridionale.
Anche nel settore Ricerca&Sviluppo (Pil, occupati, brevetti) la situazione non è delle migliori: in base agli ultimi dati disponibili (2007) il Sud spende solo lo 0,87% rispetto all'1,28% del Centro-Nord, comunque distanti dal parametro del 3%, fissato nella Strategia di Lisbona per il 2010.

Indubbiamente l'Italia continua a presentarsi "come un Paese spaccato in due sul fronte migratorio, con un Sud, che espelle giovani, anche con trasferimenti temporanei, i cosiddetti pendolari di lungo raggio, che fisicamente lavorano e vivono per buona parte della settimana al Centro Nord, ma che mantengono casa e famiglia al Sud".
Una possibile soluzione per uscire da questa situazione la suggerisce il Rapporto laddove avanza la proposta di un "progetto Paese", in grado di valorizzare le aree deboli con politiche nazionali più efficienti e politiche specifiche riformate, capace di passare attraverso il concetto di Mezzogiorno come "frontiera" verso il Mediterraneo e le nuove opportunità di sviluppo, che vengono soprattutto dai settori innovativi.
 

Maria Luisa Marino
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG