• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Nel nuovo “Compendio statistico italiano” i dati del 2008 su Istruzione, Ricerca, Sviluppo e Innovazione
Pubblicazione ISTAT
 


È stato pubblicato a fine agosto sul sito dell'Istat il "Compendio statistico italiano" per l'anno 2009, con l'intenzione di "offrire un ampio e significativo quadro dell'informazione prodotta dalla statistica ufficiale italiana su temi di rilievo per la vita pubblica nazionale" (Enrico Giovannini, presidente Istat, Prefazione al Compendio). Il Compendio si distingue dall'Annuario pubblicato agli inizi del 2010 in quanto ne rappresenta la sintesi e viene redatto in un'unica edizione bilingue (italiano-inglese).

Il quinto capitolo del Compendio è dedicato ad Istruzione, Ricerca, Sviluppo e Innovazione. In esso, i curatori del volume hanno voluto presentare l'insieme dei dati statistici sull'istruzione scolastica, sul passaggio all'università, sull'inserimento professionale dei giovani dopo gli studi e sulle attività di ricerca e sviluppo realizzate dalle imprese e dalle istituzioni pubbliche e private del nostro Paese. Questa analisi mette in luce la capacità di produzione scientifica e di innovazione dell'Italia, con riferimento specifico agli indicatori sull'attività di ricerca utilizzati dall'OCSE e dalla Commissione Europea. L'anno accademico di riferimento è il 2007/2008.

Il capitolo, dopo aver analizzato come il livello di istruzione della popolazione si sia innalzato di una decina di punti percentuali rispetto al 2001, riferisce che dall'anno accademico 2004/2005 le immatricolazioni all'università sono in costante flessione, con l'unica eccezione delle immatricolazioni al gruppo chimico-farmaceutico. Nel 2007/2008 i giovani iscritti all'università sono circa 307 mila (-0,3% rispetto all'anno precedente). La partecipazione agli studi universitari risulta particolarmente elevata in Molise, Abruzzo, Basilicata e Lazio; in queste regioni si calcola che per 100 residenti di 19-25 anni, più di uno su due si è iscritto ad un corso accademico, spesso fuori sede.
Nell'ambito dell'inserimento professionale, come già analizzato nel Compendio dello scorso anno, le migliori opportunità di inserimento nel mondo del lavoro spettano ai laureati dei corsi quinquennali dei gruppi di ingegneria, chimico-farmaceutico ed economico-statistico. I laureati dei percorsi lunghi e triennali negli atenei del Nord trovano più facilmente lavoro, seguiti da quelli del Centro e del Sud. La differenza tra i laureati del Nord e del Mezzogiorno che trovano lavoro è all'incirca del 20% (per i laureati quinquennali, 66,3% al Nord e 43,4% al Sud; per quelli triennali 54,9% al Nord e 34,7% al Sud).

Altri dati interessanti provengono dal settore della Ricerca e Sviluppo. Nel capitolo si indica la spesa totale italiana per questo settore nel 2006: 16.835 milioni di euro, che hanno un'incidenza percentuale sul PIL pari all'1,14%, a fronte di un valore medio dell'1,76% nell'Unione Europea allargata a 27 Paesi e del 2,3% di media nei paesi OCSE. Il contributo delle imprese alla spesa per Ricerca e Sviluppo è di poco inferiore alla metà del totale (48,8%), con una differenza di quasi  20 punti percentuali rispetto all'obi
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG