• Forum: studi umanistici da difendere
  • A proposito di valutazione
  • I nuovi rettori
  • Il piano del Governo per l'università
  • Individuazione delle competenze
  • L'università liquida secondo Bauman
NOTIZIE DALL'ITALIA
18/12/2013
Corsi a numero programmato: riattivato con decreto MIUR il bonus maturità e pubblicata la nuova graduatoria degli idonei
06/12/2013
Il Cardinal Scola all’Università di Milano-Bicocca: università come luogo di formazione alla libertà
04/12/2013
Giovani & Lavoro: presentati i dati del rapporto Specula Lombardia
03/12/2013
La nuova giunta della CRUI
02/12/2013
Diritto allo studio universitario e corruzione: il fenomeno degli studenti “evasori” come nuovo campanello d’allarme
18/11/2013
Italia – Sud Mediterraneo: la cooperazione universitaria tra mobilità accademica e programmi congiunti
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
18/12/2013
Giappone: cresce il numero e la qualità della collaborazione nella ricerca con i paesi in via di sviluppo dell’Asia e dell’Africa
17/12/2013
OCSE PISA 2012: studenti asiatici al top, quelli italiani primeggiano nelle materie scientifiche
16/12/2013
Primo incontro internazionale dei centri di ricerca dell’istruzione superiore a Shanghai
29/11/2013
Unione europea: approvata dal Parlamento la proposta di Regolamento che istituisce Erasmus+
19/11/2013
Eurostat: lo stato di attuazione della Strategia Europa 2020 nei paesi membri, Italia in ultima posizione
05/11/2013
Germania: tre indagini analizzano la situazione economico-sociale e le buone prospettive occupazionali degli studenti universitari
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
La tutela delle lingue minoritarie negli atenei europei secondo l’OSCE
 


L'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) ha recentemente riaperto il dibattito sulla necessità di inserire l'insegnamento in lingue minoritarie presso gli atenei europei.
Durante un incontro a Vienna nello scorso luglio, l'Alto Commissario OSCE per le Minoranze nazionali ha ribadito che l'istruzione superiore deve essere accessibile anche alle minoranze linguistiche quale veicolo per la piena integrazione e la coesione sociale. La maggior parte dei relatori del convegno viennese ha concordato sul fatto che non c'è un modello universalmente applicabile per rendere accessibile l'istruzione superiore alle minoranze, ma che ogni modello ha la sua valenza in base al contesto in cui viene applicato.

L'argomento è di grande attualità considerato l'assetto geo-politico che si è delineato negli ultimi venti anni nei Balcani e nei paesi dell'ex-Unione sovietica. Minoranze etniche reclamano tra i propri diritti anche l'introduzione di percorsi universitari nella propria lingua, paralleli alla lingua nazionale, nel pieno rispetto dei principi sanciti dal Documento di Copenhagen sulla Dimensione umana nella CSCE (oggi OSCE).
Tuttavia offrire un'istruzione universitaria solo in lingue minoritarie favorisce un effetto "ghettizzante" a scapito dell'auspicata integrazione europea. Pertanto le università europee si stanno orientando verso soluzioni miste, offrendo percorsi formativi sia in lingua nazionale che in lingue minoritarie. Ad esempio, l'Università "Babes-Bolyai" di Cluj-Napoca (Romania) ha attivato alcuni insegnamenti in romeno e altri in ungherese, l'Università "South East European" di Tetovo (Macedonia) propone corsi in macedone, albanese ed inglese. L'obbiettivo di questi corsi è di favorire l'integrazione sociale in paesi sede di continui conflitti etnici, nonché prevenire tali conflitti.


Carmen Tata
 
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG