• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
L’Italia deposita gli strumenti di ratifica della Convenzione di Lisbona sul riconoscimento dei titoli di studio al Consiglio d’Europa
Riconoscimento titoli
 


La Convenzione sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all'insegnamento superiore nella regione europea, nota anche con la dizione sintetica di Convenzione di Lisbona in quanto approvata nella capitale portoghese l'11 aprile 1997, è stata ratificata dall'Italia con la legge n. 148 del 2002. L'atto di deposito degli strumenti di ratifica al Consiglio d'Europa mette l'Italia allo stesso piano degli altri paesi europei firmatari della Convenzione, assicurando in modo definitivo sia il riconoscimento dei titoli esteri in Italia che di quelli italiani all'estero nelle stesse modalità previste dal testo base e permettendo una maggiore spendibilità degli stessi.
Gli otto anni di attesa sono il frutto di passi successivi compiuti dopo la ratifica della Convenzione. La legge 148/2002 prevedeva, infatti, l'emanazione di due regolamenti, uno sulla formazione trans-nazionale entrato in vigore nel 2004 (DM n. 214/2004) e l'altro sugli ulteriori casi di riconoscimento accanto a quello accademico e professionale entrato in vigore nel 2009 (DPR n. 189/2009). Soltanto dopo l'emanazione di questi due regolamenti è stato possibile procedere al deposito degli strumenti di ratifica completi.

La Convenzione stabilisce il diritto di ciascuna persona a veder valutato il proprio titolo di studio dalle autorità competenti dei paesi in cui si dirige per motivi di studio o lavoro. Collegato a questo diritto, viene cristallizzato il divieto di qualsiasi tipo di discriminazione (sesso, razza, colore, disabilità, lingua, religione, opinioni politiche, origini nazionali, etniche o sociali, proprietà, nascita o appartenenza a minoranze nazionali) nelle procedure di riconoscimento del titolo di studio.
La Convenzione ha vari obiettivi, tra i quali si ricordano quelli di: consentire ai diplomati della scuola secondaria superiore di accedere alle università e agli altri istituti d'istruzione superiore dei paesi firmatari; facilitare i programmi di scambio accademici studenteschi; utilizzare i titoli accademici nazionali finali per accedere al mercato del lavoro e delle professioni regolate in tutti i paesi o proseguire gli studi a livello più avanzato; aumentare la qualità, la quantità e la trasparenza delle informazioni disponibili sui sistemi nazionali d'istruzione superiore nell'area europea.

In questo settore il CIMEA della Fondazione Rui svolge da più di vent'anni attività di informazione sulle opportunità e le procedure di riconoscimento dei titoli di studio esteri, con l'obiettivo di promuovere la libera circolazione dei cittadini comunitari e la mobilità internazionale degli studenti. Sul sito del CIMEA è possibile leggere e scaricare documenti con tutte le informazioni necessarie per sapere come orientarsi nel nostro paese per proseguire negli studi o iniziare a lavorare. Il CIMEA è il centro d'informazioni per l'Italia sul riconoscimento dei titoli di studio che fa parte di due reti europee che mettono insieme tutti i centri d'informazione dei paesi che ne fanno parte: la rete ENIC (European Network of National information centres on academic recognition and mobility) e della rete NARIC (National academic recognition information centres).
 
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG