• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Regno Unito: aumento delle tasse studentesche e tagli al finanziamento per l’Università
Politiche universitarie internazionali
 


Lo scorso 3 novembre il Governo di coalizione di David Cameron ha annunciato un piano di riforma del finanziamento delle Università britanniche per continuare ad assicurare - come ha evidenziato il Ministro dell'Università e della Scienza David Willets -  la tradizionale qualità dell'insegnamento, pur in tempi di ristrettezze economiche.
Il nuovo sistema, che entrerà in vigore per i nuovi iscritti del 2012, da un lato prevede fortissimi tagli del finanziamento statale (-40%) e una maggiore contribuzione studentesca, dall'altra migliora e amplia il sistema del diritto allo studio e dei prestiti. L'istruzione superiore sarà gratuita per chi ha redditi annui inferiori a £ 21.000; per gli altri, le università e i college dovranno prevedere una tassa annuale di £ 6.000, elevabili a £ 9.000 in casi particolari, rispettando tuttavia gli accordi previsti per assicurare la parità negli accessi. L'Office for Fair Access vigilerà affinché le Istituzioni d'istruzione superiore utilizzino correttamente l'apposito fondo stanziato per garantire la mobilità sociale. Come contromisura il Governo ha previsto l'ampliamento del "National Scholarships Programme", che potrà attribuire borse fino a £  3.250 a studenti provenienti da famiglie con reddito inferiore a £ 25.000 annue e diluendo in un periodo più lungo (30 anni) la restituzione dei prestiti, la cui attribuzione è indipendente dal reddito e risulterà senza oneri aggiunti per i laureati percettori di redditi fino a £ 21.000.

Le nuove misure hanno provocato le violente proteste degli studenti. Nello stesso tempo gli esperti temono che, a causa del triplicato costo delle tasse universitarie, il sistema britannico possa risultare meno attrattivo per il mercato degli studenti europei ed extra-europei. Questi potrebbero essere invogliati a rivolgersi per ragioni economiche alle altre istituzioni europee o degli Usa, in Australia, in Cina o in India, mentre gli studenti inglesi potrebbero risultare più attratti dalle meno care Università scozzesi.
Certamente il Regno Unito non è il solo Paese a incontrare difficoltà di finanziamento del sistema universitario. Oltre alle difficoltà irlandesi esplose di recente, in alcuni Stati come Finlandia, Svezia, Danimarca e Norvegia (nei quali l'istruzione universitaria è tradizionalmente finanziata per intero dallo Stato), si stanno introducendo tasse anche a carico degli studenti stranieri. Gran parte degli altri paesi europei, compreso il nostro, hanno effettuato tagli di varia entità al settore dell'istruzione (-66% in due anni in Lettonia, -5% in Estonia, Lituania e Romania, oltre il 5% in Repubblica Ceca, Polonia, Croazia e Serbia); solo Germania e Francia hanno incrementato i fondi a favore dell'istruzione superiore, delle iniziative di eccellenza e della ricerca scientifica.

Molti esperti ritengono tuttavia che il Regno Unito, che secondo i dati Ocse 2008 accoglie il 10% del flusso internazionale degli studenti stranieri, avrebbe scelto il momento peggiore per introdurre misure così penalizz
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG