• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
L’analisi dell’EUA sull’impatto della crisi economica nei sistemi d’istruzione superiore europei
 


L'EUA (European University Association) ha pubblicato l'ultimo aggiornamento di uno studio sugli effetti della crisi economica - a decorrere dal 2008 - sui sistemi di istruzione superiore in Europa.

Il Rapporto, finanziato con fondi comunitari, evidenzia come le difficoltà siano ovunque generalizzate anche se le conseguenze e le misure correttive adottate differiscono secondo l'entità dell'impatto e del momento in cui le problematiche finanziarie hanno colpito le rispettive economie nazionali.

 L'analisi ha identificato alcune categorie di conseguenze sul finanziamento pubblico che, in media, rappresenta da solo i due terzi del budget delle Università europee: i tagli di bilancio, che sono stati rilevanti in Lettonia (all'iniziale diminuzione del 48% nel 2009, si è arrivati al 66% nel 2010), in Italia, in Grecia e nel Regno Unito ove (come annunciato nel Comprehensive Spending Review 2010) il bilancio dell'istruzione superiore subirà un taglio del 40% fino al 2014/15; gli effetti indiretti (ad es. i maggiori costi per studente), avvertiti soprattutto in Norvegia e nei Paesi Bassi; la cancellazione o il congelamento degli incrementi finanziari, in precedenza stabiliti; l'accrescimento delle assegnazioni registrato in controtendenza in Francia e in Germania (in Francia il provvedimento "Grand Emprunt" ha aumentato significativamente il finanziamento in aree chiave dell'insegnamento e della ricerca e nel 2011 sono previsti altri 4,7 bilioni di Euro a favore del personale e della politica sociale studentesca mentre in Germania il Governo Federale, anche per alleviare la situazione finanziaria di alcuni Lander, ha aumentato gli investimenti per supportare la sicurezza finanziaria delle Università e delle Istituzioni di ricerca, nonché la crescita studentesca); la sfida per il mantenimento della qualità, prodotta in alcuni casi dalla crescita della componente studentesca combinata alla riduzione delle risorse finanziarie disponibili; la diminuzione dell'offerta formativa (chiusura o accorpamento di programmi di studio) come in Spagna, Estonia e Regno Unito e la riduzione del personale e dei loro stipendi (Grecia, Irlanda, Spagna, Portogallo e Lettonia).

Il Rapporto evidenzia come l'autonomia universitaria - laddove esistente - abbia prodotto effetti benefici e consentito agli Atenei di distribuire strategicamente i fondi disponibili, in vista del raggiungimento della loro missione istituzionale. Il finanziamento privato è destinato, in tempi di crisi economica, a giocare un ruolo sempre più essenziale nella costruzione di strategie sostenibili per lo sviluppo del sistema universitario. In molti Paesi è forte il dibattito sull'aumento delle risorse private, originate da una maggiore contribuzione studentesca, nella convinzione che l'istruzione debba continuare a essere considerato un bene pubblico. Ciò nonostante il Regno Unito ha deciso di triplicare l'ammontare delle tasse (seppure mitigato da ammortizzatori sociali), Svezia e Finlandia hanno introdotto tasse per i cittadini stranieri non comunitari e i Paesi Bassi stanno considerando la possibilità di aumentare le tasse a chi impiega più tempo per terminare gli studi.

Clicca qui per leggere il comunicato stampa dell'EUA


Per leggere il Rapporto:

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG