• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Presentato l’undicesimo Rapporto del CNVSU sullo stato del sistema universitario
Valutazione
 


Il 26 gennaio è stato presentato a Roma il nuovo Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario redatto dal Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario (CNVSU), appuntamento annuale giunto quest'anno alla sua undicesima (e forse ultima, vista la recente nomina dei componenti dell'ANVUR) edizione.

È un sistema in chiaroscuro quello universitario italiano che esce dalla lettura del Rapporto: da una parte c'è un sistema universitario mediamente di buon livello, che nella competizione internazionale vede 15 università italiane posizionarsi tra i primi 500 atenei al mondo; dall'altra, circa 56 giovani su 100 si iscrivono ai corsi equivalenti alle lauree triennali nei paesi OECD contro il 51% dell'Italia.

Il Presidente del CNVSU Luigi Biggeri punta l'attenzione su tre aspetti decisivi per la tenuta, nel contesto internazionale, del nostro sistema di Alta formazione la cui qualità, peraltro, è riconosciuta a livello mondiale. Il primo aspetto, strategico, riguarda l'avvio di una reale razionalizzazione del numero dei docenti e dei corsi di studio. "L'Università - sottolinea Biggeri - ha operato sì una diminuzione dei corsi di studio e dei docenti negli ultimi anni, ma l'analisi d'insieme segnala che ciò è avvenuto in assenza di una reale e appropriata programmazione capace di tenere in considerazione il vero fabbisogno informativo e di ricerca. Il disegno futuro, data l'urgenza, non potrà basarsi ancora una volta su compromessi tra "gruppi interni" di potere all'università - che con le numerosissime uscite dei docenti dai differenti settori scientifico disciplinari potranno cambiare "profilo" - bensì su un disegno strategico ad hoc. La programmazione degli accessi e delle modalità di richiesta dei posti da mettere a concorso, in relazione alle effettive esigenze delle attività di formazione e di ricerca che si modificano nel tempo, è irrinunciabile, pena il verificarsi di vere e proprie "emorragie" di docenti in determinate aree di studio. Ad esempio, come risulta dal Rapporto annuale, entro il 2015 usciranno dall'Università, per limiti d'età, circa il 32% dei professori ordinari delle aree delle Scienze Fisiche e di Ingegneria Civile e Architettura".

Il secondo aspetto, insiste Biggeri, riguarda un fenomeno fino ad oggi inedito, che desta qualche preoccupazione: al calo degli immatricolati fa da contraltare la circostanza che il mancato proseguimento degli studi da parte dei maturi è più consistente, sul territorio, laddove il mercato del lavoro offre maggiori chances occupazionali. Il terzo aspetto, anch'esso inedito rispetto alle precedenti indagini condotte attraverso i Nuclei dal CNVSU, si concentra sul fatto che ad attrarre i maturi più bravi (quelli con voto di diploma fra 90 e 100) siano prevalentemente alcuni Atenei non statali.

Tali particolarità si collocano, come sempre, all'interno di un quadro di grandissimo respiro che tocca, nel Rapporto, punti di forza - come il fatto che il nostro sistema universitario si colloca al 10° posto al mondo e al 5° in Europa nella valutazione internazionale ed è al 1° posto in Europa per accessibilità - e di debolezza. Fra questi ultimi, l'incidenza della spesa italiana per l'Università sulla spesa pubblica, che è la più bassa fra i paesi OECD o il tasso, ancora troppo contenuto, di laureati in corso.

Nello snocciolare i dati, Biggeri ha ricordato l'azione strategica e di accompagnamento verso la valutazione svolta dal<
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG