• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
La disoccupazione dei giovani e dei laureati nelle rivolte dei paesi nordafricani e del Medio oriente
 


Dopo la caduta di Zine Al-Abdine Bel Ali in Tunisia e di Hosni Mubarak in Egitto, le domande che ora tutti si pongono sono se anche i due regimi siano crollati con loro, quale spazio avranno i movimenti islamici radicali nella transizione verso libere elezioni e soprattutto se ci sarà, e con quali caratteristiche, un effetto-domino negli altri Paesi della regione (Algeria, Marocco, Libia, Giordania, Yemen) alle prese con gli stessi problemi alle origini delle rivolte: corruzione, povertà diffusa, disoccupazione dilagante. Come già si vede in Iran dove, dopo la rivolta per le irregolarità nelle elezioni del giugno 2009 terminate con 70 morti e centinaia di arresti, migliaia di persone sono scese in strada a Teheran, con violenti scontri tra forze dell'ordine e manifestanti.

"Quella dei tanti laureati senza lavoro è una bomba a orologeria in tutta la regione" rimarca su University World News il biologo Wagdi Sawahel, visiting professor alla Ghent University (Belgio) e docente al National Research Centre del Cairo. Il problema, spiega, è proprio la crescente scolarizzazione e l'aumento di laureati senza la contestuale crescita economica che produca lavoro per i più istruiti: e questo, in un continente come l'Africa dove nel 2015 i giovani con meno di 25 anni saranno il 75% della popolazione, esige l'individuazione di strategie efficaci per fare fronte alla disoccupazione giovanile e rafforzare il legame fra mondo del lavoro e università.

In Nord Africa, dove i giovani rappresentano il 60% della popolazione, l'ultimo rapporto dell'ILO (pubblicato a gennaio) dal titolo "Tendenze globali per l'occupazione nel 2011: la sfida del recupero del lavoro" segnala come più del 40% degli adulti viva al di sotto della soglia di povertà (meno di due dollari al giorno) ed il 24% dei giovani sia sottoccupato. In Egitto, dove l'analfabetismo riguarda il 28% della popolazione (una percentuale che sale al 41% per le donne), i laureati rappresentano il 42% della forza lavoro ma l'80% dei disoccupati: in Tunisia i giovani disoccupati sono il 30,3%.

Il fatto è che, spiega il rapporto dell'organizzazione, il tasso regionale di disoccupazione in Nord Africa continua ad essere uno dei più alti del mondo, il 9,9% nel 2010, che diventa del 15% per le donne e sale al 23,6% per i giovani con meno di 24 anni: il cosiddetto gender gap, l'esclusione di tre donne su quattro dal mondo del lavoro in tutti i Paesi del bacino del Mediterraneo, continua infatti a peggiorare ulteriormente la situazione. "Basti pensare che su 100 donne nella regione - si legge nel rapporto - solo 28 sono attive nel mercato del lavoro, con 24 che hanno un lavoro e 4 disoccupate: ciò significa che meno di un quarto della popolazione femminile in età lavorativa ha un impiego, ed il potenziale 75% di popolazione che potrebbe contribuire alla crescita economica di fatto rimane inattivo".

Quanto alle ragioni della disoccupazione giovanile tra i laureati, spiega Sawahel, esse vanno ricercate sia in un numero eccessivo di laureati in materie umanistiche e Scienze sociali, mentre servirebbero molti più ingegneri, matematici, fisici, biologi, sia nella scarsa aderenza dei piani di studio all'assetto economico-industriale dei Paesi. Un campanello d'allarme che suona per tutti, visto che l'onda che ha travolto regimi trentennali è partita dai velocissimi twits dei blogger di Tunisi, Algeri, Il Cairo.


<
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG