• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Necessario aumentare i posti nelle facoltà di medicina
Università e lavoro
 


Solo dopo che il Ministero della Salute l'ha concordato con la rappresentanza della Conferenza della Regioni viene ogni anno determinato il fabbisogno formativo di medici, odontoiatri e veterinari, fornendo al Ministero dell'Università gli elementi utili a definire il numero e la ripartizione dei posti e dei corsi per ogni professione sanitaria nelle 40 Università in cui sono attivati 470 corsi. Negli ultimi anni diventano sempre più frequenti le lamentele sull'insufficiente numero di posti messi a bando dalle Università, tanto che a interessarsene sono stati sia il Parlamento che l'Antitrust.

Per Medicina, rispetto alla media di 7.500 posti annui degli ultimi 14 anni, durante i quali il totale è stato di 104.000 invece dei 130.000 stimati necessari con il turnover al 2,7%, per il prossimo anno accademico 2011-12 si dovrebbe arrivare ad una offerta di almeno 11.000 posti, ovvero l'aggiunta di 1.500 ai 9.500 dello scorso anno. Senza questo aumento non si scalfirebbe la carenza di 26.000 medici (-21%), con media annuale di quasi 2.000, che farà sentire gli effetti negativi a partire dal 2015, quando si esaurirà la cosiddetta "pletora" di medici maturata dagli anni ''70-80.

Per gli Infermieri è evidenziata in un'interrogazione parlamentare la carenza di 60.000 unità. Nella risposta il Ministro ha chiarito che nel corso degli ultimi 4 anni si è passati dagli 8.650 nuovi posti del 2006-07 ai 16.366 del 2010-11, quindi il doppio. Ma, come è noto, il fabbisogno di infermieri che da anni viene indicato sia dalle Regioni che dall' IPASVI è attorno ai 22.000 e la soluzione proposta resta quella di mettere a bando il doppio dei circa 10.000 posti di Medicina, per arrivare quindi a soddisfare il fabbisogno formativo di 20.000 infermieri.

Da più parti si sostiene che i circa 800 posti messi a bando annualmente ad Odontoiatria sarebbero insufficienti a soddisfare la domanda incalzante di oltre 20.000 candidati. In effetti, basandosi sul calcolo del turnover al 3% su 56.000 fra Odontoiatri e Medici Specialisti, i posti da assegnare annualmente dovrebbero essere circa 1.600, ovvero il doppio di quelli attuali, come sostiene anche l'Antitrust nella segnalazione inviata al Senato il 21 aprile 2009.

Di conseguenza, il mancato ampliamento dei posti ha portato nel corso degli anni alla fuga degli studenti italiani esclusi dai test d'ingresso verso Università straniere, come Spagna, Ungheria e Romania, sollevando sia dubbi sulla qualità degli studi che critiche con la richiesta di "bloccare gli studenti furbi che si laureano all'estero". Per approfondimenti vedi il sito www.ildentale.it.

Tuttavia, la problematica emerge ancora prima di conseguire il titolo, perché alcuni studenti, dopo aver superato il primo anno di studi all'estero chiedono il trasferimento nelle Università italiane, riuscendo a vincere anche la vertenza legale. È quanto si è verificato recentemente per l'Università dell'Aquila che a novembre 2009, dopo aver accettato la richiesta di trasferimento dalla Romania di uno studente, ha dovuto respingerla su richiesta del Ministero dell'Università, ma alla fine ha dovuto accoglierla in osservanza di una sentenza del TAR Abruzzo che riconosceva il diritto dello studente a trasferirsi dall'Università romena.

 
La Redazione
(aprile 2011)

(Fonte: Mail Mastrillo n. 3, marzo 2011)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG