• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Indagine Flash Eurobarometro: un europeo su due è disposto a trasferirsi in un altro stato per motivi di studio o di lavoro
 


Il 53% dei giovani europei (uno su due) è disponibile a trasferirsi in un altro Stato dell'Unione per motivi di studio o di lavoro, il 28% per un periodo di tempo limitato piuttosto che per uno lungo (25%). È uno dei dati emersi dall'ultima Indagine Flash Eurobarometro, destinata a valutare lo stato attuativo della Strategia Youth on Move, presentata a Bruxelles lo scorso 13 maggio, all'immediata vigilia della Settimana europea della gioventù 2011 (15/21 maggio).

L'identikit del giovane "in movimento" evidenzia che un europeo su 7 (14%) in età tra 15 e 19 anni, ha dichiarato di aver trascorso un periodo all'estero - o di trovarsi all'estero al momento dell'indagine - per istruzione o formazione (con una proporzione oscillante tra il 3% in Turchia, il 39% a Cipro e il 41% in Lussemburgo): di essi quasi la metà (il 43%) lo ha fatto per seguire corsi di istruzione superiore. I giovani adulti in possesso di diplomi d'istruzione universitaria e quelli che frequentano ancora corsi di tale tipologia formativa sono i più rappresentati tra coloro che spesso affermano di aver trascorso un periodo all'estero, con il conseguente allargamento delle competenze (capacità di parlare fluentemente una lingua straniera, consapevolezza culturale, adattabilità e competenze interpersonali).

Esiste tuttavia un profondo divario tra il diffuso desiderio giovanile di lavorare all'estero e l'effettiva mobilità delle forze di lavoro (meno del 3% della popolazione attiva europea vive attualmente fuori dei propri confini nazionali): la mancanza di mezzi economici rappresenta il principale ostacolo all'espatrio, seguita a ruota (25%) dagli impegni di famiglia, che scoraggiano maggiormente le donne. D'altra parte circa i due terzi di chi ha studiato all'estero ha affermato di aver attinto prevalentemente alle proprie finanze o ai propri risparmi ; il 15% ha beneficiato di programmi comunitari, quali Erasmus (che nel 2009/10 ha consentito la mobilità universitaria a più di 210.000 giovani europei). È invece più differenziata, a seconda del Paese di origine, la percentuale di coloro che hanno ricevuto prestiti o borse di studio nazionali o regionali per finanziare il loro periodo all'estero: si va dalla Norvegia (53%) in testa a questa speciale classifica, agli ultimi posti tra cui figura l'Italia (14%) e che precede di qualche posizione la Lituania (2%), in coda al gruppo.    

Il Rapporto, realizzato mediante interviste telefoniche a 57.000 giovani europei in formazione dei 27 paesi Ue più Norvegia, Islanda, Croazia e Turchia, ha analizzato anche la capacità attrattiva degli studi universitari, compiuti nei Paesi di origine degli interpellati (i più soddisfatti in Turchia, Slovacchia, Norvegia, Islanda e Danimarca mentre minore soddisfazione è stata espressa in Grecia, Francia, Lituania e Italia) e la validità dell'orientamento agli studi superiori, ritenuta più soddisfacente in Finlandia, Belgio e Bulgaria piuttosto che in Francia, Grecia e Italia.

Nel Rapporto sono state fornite, inoltre, preziose indicazioni sulla mobilità giovanile riguardo all'istruzione e al lavoro, le opinioni dei giovani sui diversi sistemi di istruzione e le loro principali preoccupazioni in merito alla ricerca di un lavoro, che potranno risultare utili in sede europea nell'adozione delle prossime iniziative, destinate ad ammodernare l'istruzione superiore e le politiche giovanili in generale.


Leggi il comunicato stampa sul sito dell'Unione europea.

Scarica il Rapporto.

 

Maria Luisa Marino
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG