• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Consultazioni pubbliche della Commissione europea: il rapporto conclusivo sul futuro dei programmi europei d’istruzione superiore dopo il 2013
 


La Commissione europea ha pubblicato lo scorso 24 maggio i risultati di una consultazione pubblica sulla futura generazione di programmi europei nel settore dell'istruzione giovanile e della cooperazione universitaria internazionale, successiva all'anno 2013.

Il rapporto, intitolato Preparation of a new programme in the field of education and training post 2013, ha accordato l'assoluta priorità all'obiettivo del miglioramento della qualità e dell'efficienza educativa e a quello legato al rafforzamento della mobilità degli studenti, dei docenti e dello staff amministrativo. Per creare lo spazio comune europeo auspicato dal Processo di Bologna, è prevalsa in maggioranza la volontà di aprire i nuovi programmi, e soprattutto Erasmus, anche a paesi non appartenenti all'Ue, importanti sul piano economico-politico come i Paesi europei membri del Consiglio d'Europa, gli USA, il Canada e i cosiddetti Paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina).

È stata auspicata una maggiore armonizzazione con altri programmi, che prevedono già la partecipazione di Paesi Terzi, come gli attuali Tempus, Alfa ed Erasmus Mundus, per il quale è stato suggerito l'assorbimento con Erasmus. Sul piano operativo è stato auspicato che per tutti i programmi futuri sia disposta la semplificazione delle procedure applicative (modulistica più tempestiva, comprensibile e in tutte le lingue; necessaria attività di controllo per evitare possibili frodi, ma non al punto da impedire ai progetti stessi di funzionare, ecc.) ed un maggior flusso informativo tra le Agenzie Nazionali e i beneficiari.

È stata sottolineata l'importanza di enfatizzare la cooperazione con il mondo del lavoro, senza trascurare la  prevista, maggiore richiesta futura di persone altamente qualificate nelle aree scientifiche. Al centro dell'attenzione andranno posti gli studenti, con l'obiettivo di svilupparne il potenziale personale per prepararli adeguatamente alla carriera professionale. È stata sottolineata l'imprescindibile necessità di salvaguardare la libertà accademica da interessi corporativi o da modelli strettamente condizionati dal mercato del lavoro.

La sfida più importante rimane quella di ordine finanziario, atteso che proprio le difficoltà economiche restano l'ostacolo maggiore alla mobilità e non a caso gli intervistati hanno suggerito - per il periodo 2014/20 - l'aumento dei fondi in bilancio e addirittura il raddoppio di quelli destinati a Erasmus, da assegnare tuttavia in maniera più selettiva (ad esempio, la concessione di borse anticipate da visite preparatorie; l'attribuzione di borse di PhD legate a tipologie di eccellenza accademica; gli incentivi alla mobilità Ovest-Est; lo svolgimento di  qualificati programmi intensivi e di progetti multidisciplinari ecc.). È stata evidenziata la necessità di incoraggiare la mobilità virtuale, mediante lo svolgimento da parte dei docenti di corsi on line, ovvero utilizzando  i nuovi networks sociali (quali ad es. e-Twinning).

 
Per leggere il Rapporto:

http://ec.europa.eu/dgs/education_culture/consult/llp/report_en.pdf


 

Maria Luisa Marino

 

Leggi l'articolo sul rapporto conclusivo della consultazione pubblica della Commissione europea sul programma Erasmus Mundus.
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG