• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Indagine Eurostudent: nonostante la crisi, studenti più impegnati nello studio e buona disposizione alla mobilità
Fondazione Rui
 


È stata presentata il 7 giugno a Roma, presso la sede del Miur, la Sesta indagine Eurostudent sulle condizioni di vita e di studio degli studenti universitari italiani, realizzata dalla Fondazione Rui in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. L'indagine offre un quadro ragionato su tre aspetti importanti: l'impatto delle riforme universitarie del 1999 e del 2004 e dell'offerta didattica sulla condizione studentesca; gli effetti della crisi economica sulle scelte e sui comportamenti degli studenti; la capacità dell'alta formazione di favorire il cosiddetto "ascensore sociale".

Sotto il primo aspetto l'indagine Eurostudent segnala che gli studenti dedicano di media 41 ore a settimana per le attività di studio (studio individuale + lezioni), tempo medio che è incrementato rispetto ai primi anni Novanta (32 ore a settimana). A stare di più sui libri sono i fuori sede, con oltre 42 ore a settimana: i pendolari seguono più assiduamente le lezioni rispetto a chi è in sede e, settimanalmente, le ore spese a studiare dai due gruppi sono equivalenti.

Sugli effetti della crisi economica sulle scelte e i comportamenti degli studenti, l'indagine Eurostudent segnala che il 50,6% degli studenti è pendolare, ovvero adotta una "strategia di sopravvivenza" per non aggravare ulteriormente i costi dell'essere studenti fuori sede. La crisi economica ha inciso sul fatto che, durante gli studi universitari, gli studenti non escono di casa: tre studenti su quattro studiano vivendo nella famiglia d'origine e, di questi, due sono studenti pendolari e uno studia in sede. Un altro fattore dovuto alla crisi economica è l'ingresso nell'università post-riforma di nuove categorie di studenti che, per età o condizione lavorativa, non possono affrontare grandi spostamenti: il 7,5% degli studenti si è immatricolato a 25 anni o più; il 13% degli studenti ha tra i 25 e i 29 anni; il 6% ha più di 30 anni. Infine, la crisi economica ha influito anche sul diritto allo studio: nel 2009 il 64,7% degli studenti non ha ricevuto alcun aiuto economico, mentre il restante 35,3% ha beneficiato anche di più interventi contemporaneamente. La mobilità internazionale degli studenti è tornata ai livelli di dieci anni fa, con un aumento sistematico dei laureati magistrali che scelgono di effettuare parte del loro percorso di studi all'estero. I paesi in testa alle preferenze degli studenti italiani sono il Regno Unito (33%) e gli Usa (11%), seguiti dalla Spagna (9%) e dalla Germania (8%).

Alla domanda se la laurea sia o meno un ascensore sociale, così ha risposto Giovanni Finocchietti, curatore dell'indagine: "Eurostudent non può dire se la laurea è ascensore sociale, ma può indicare se gli studenti e le loro famiglie ci credono o no. L'indagine, segnalando le scelte e i comportamenti degli studenti e delle loro famiglie, mette in luce le aspirazioni e le aspettative che muovono quelle scelte. Emerge che, nonostante la crisi abbia eroso i risparmi delle famiglie e la capacità di finanziare gli studi dei figli, i ceti meno abbienti continuano a investire nella formazione universitaria, vedendo nella laurea un veicolo di mobilità sociale".

Vai alla pagina del sito Eurostudent relativa alla sesta indagine.
 

Danilo Gentilozzi
(giugno 2011)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG