• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Laureati in Lombardia: è ancora crisi? Una ricerca della Camera di Commercio di Milano
Statistiche
 


Segnali di ripresa del mercato, elevata attrattività del sistema universitario, ma povertà di proposte lavorative: questi i dati salienti che emergono da Specula Lombardia, una ricerca condotta da Formaper - Camera di Commercio di Milano.

I risultati, presentati a Milano il 6 giugno scorso, confermano che in Lombardia, nonostante il calo demografico, i nuovi iscritti sono aumentati del 5%, in controtendenza col dato nazionale. Guardando agli esiti occupazionali, il 2010 rimane un anno di crisi per i laureati nonostante i segnali di ripresa del mercato che ha inserito l'8,4% di laureati in più rispetto all'anno precedente. I laureati nel 2009 in cerca di prima occupazione, infatti, scontano la concorrenza di quelli dell'anno 2008 rimasti senza occupazione a causa della crisi e la ripresa, ad oggi, non è in grado di assorbire l'accumulo.

Solo il 13,7% dei laureati in Lombardia è inserito con un contratto stabile (tempo indeterminato - che si ferma al 7% - o contratto di apprendistato e di inserimento), il 27,5% è inserito con tirocinio, soprattutto a Milano. Crescono il lavoro intermittente, il lavoro autonomo - che spesso è a committente unico - gli stage. Appare in crescita anche la frammentarietà dei contratti (durata media 7 mesi) e il turn over. Il 10% non lavora, ma sta ancora studiando e il 16% non studia né lavora.

Nel medio periodo, i contratti si trasformano: analizzando i dati dei laureati 2007, a 3 anni dal conseguimento del titolo, si rileva che il 70% di chi inizia con un contratto a tempo indeterminato lo mantiene, più del 40% dei dipendenti a tempo determinato e somministrati vedono stabilizzarsi il contratto, mentre questa probabilità si riduce drasticamente al 20% per i collaboratori a progetto, al 13% per i lavoratori intermittenti e al 10% agli occasionali.

Si conferma che in Lombardia la ripresa è trainata dalle grandi e medie imprese del settore privato, soprattutto manifattura e commercio all'ingrosso, ma anche finanza e informatica.

L'analisi delle performance occupazionali dei diversi indirizzi di studio conferma la forza delle lauree in ingegneria (ad esclusione delle civili/ambientali), di informatica e di chimica. Bene anche le lauree sanitarie ed economia, decisamente meno buone le performance occupazionali dei laureati in scienze della comunicazione, lingue, beni culturali. Caso a parte le lauree scientifiche con sbocchi prevalentemente legati alla ricerca: qui si presume un elevato tasso di proseguimento degli studi o di lavoro all'estero (secondo fonte ISTAT il 13,3% intende trasferirsi e il 7,8% è già all'estero, percentuale che sale al 23,7 per i fisici). Si conferma la crisi delle professioni, con la sola eccezione di medicina: per molti indirizzi (giurisprudenza, architettura, psicologia) si presenta la problematica legata ai praticantati e ad una offerta di laureati sovradimensionata.

Dalla ricerca emerge, quindi, un mismatch fra domanda e offerta, non solo legata agli specifici indirizzi di studio, ma anche dalla discrasia fra le richieste della domanda (profili molto giovani, buon curriculum, conoscenza delle lingue, skills trasversali ecc.) e la povertà delle proposte (redditi bassi, inferiori alla media europea, contratti senza garanzie, sottoccupazione).

Il rapporto di ricerca, completo di tutti i dati qui non analizzati, è scaricabile dalla home page del sito http://www.formaper.it.

 

Simona Miano
(giugno 2011)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG