• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Miur: definita con decreto la nuova classe di laurea magistrale a ciclo unico in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali
 


È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 17 giugno 2011, il Decreto del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca del 2 marzo 2011 che definisce la nuova classe delle lauree magistrali a ciclo unico in Conservazione e restauro dei Beni Culturali (LMR/02).

I corsi di laurea magistrale della nuova classe avranno il compito di formare i futuri restauratori di beni culturali, così come previsto all'art. 29 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D. Lgs. n. 42/2004), con basi storiche, scientifiche e tecniche necessarie all'esercizio della professione, una solida preparazione pratica e un elevato livello di autonomia professionale, decisionale e operativa.

La nuova classe di laurea opera la revisione delle attuali classi (L-43, triennale: Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali; LM-11, magistrale: Conservazione e Restauro dei Beni Culturali) e di quelle della riforma del 1999 (L-41, triennale: Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali; 12/S, specialistica: Conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico) e consentirà a chi è iscritto ai corsi di queste classi di passare ai corsi della nuova classe mediante il riconoscimento dei CFU già acquisiti in precedenza, fino a ottenere i 300 CFU necessari per completare il percorso di studi.

Il Decreto fissa a 30 il numero massimo di esami per i corsi della nuova classe e stabilisce che la prova finale avrà valore di esame di Stato abilitante all'esercizio dell'attività professionale del Restauratore di Beni Culturali. La prova finale sarà divisa in due parti: una di carattere applicativo, consistente in un intervento pratico di laboratorio; una di carattere teorico, consistente nella discussione di un elaborato scritto.

I corsi della nuova classe dovranno essere definiti per l'inizio dell'anno accademico 2011/2012.

 

Danilo Gentilozzi

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG